Mattarella cambia passo contro i campioni dello sfascio (evviva!)

Bordate contro la giustizia da talk-show, fiducia sulla legge elettorale

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

10 Ottobre 2017 alle 06:16

Mattarella cambia passo  contro i campioni dello sfascio (evviva!)

Sergio Mattarella (foto LaPresse)

I magistrati ieri, la legge elettorale oggi, le maggioranze domani. Che cosa hanno in comune il presidente della Repubblica e il premio Nobel per l’Economia? Se vogliamo ragionare in modo freddo sulla distanza plastica che esiste tra l’approccio soft e poco invasivo incarnato dal capo dello stato e l’approccio soft ma interventista incarnato dall’inventore del nudge, potremmo dire che Sergio Mattarella è quanto di più lontano ci possa essere dall’idea di un politico che si fa portatore della dottrina del pungolo dello stato. Fino a qualche giorno fa, effettivamente, le parole “Mattarella” e “interventismo” sembravano viaggiare su due rette distanti e parallele, ma da qualche ora la direzione del capo dello stato è improvvisamente mutata e a sorpresa il presidente della Repubblica potrebbe essere entrato ufficialmente nella fase nudge. In uno dei volumi che ha permesso a Richard Thaler di passare alla storia, “Nudge: Improving Decisions About Health, Wealth, and Happiness”, il neo Nobel per l’Economia ha spiegato che nelle società contemporanee anche per gli spiriti più moderati è spesso impossibile rimanere neutrali (“forcing people to choose is not always wise, and remaining neutral is not always possible”). E se ci si pensa bene, la definizione di Thaler sembra cucita su misura per la nuova fase del capo dello stato, che nel giro di due giorni ha scelto di infilare in un armadio gli abiti della prudenza per indossare improvvisamente gli abiti del protagonista.

 

“La toga non è un abito di scena”. Una grande lezione di Mattarella ai magistrati

"E' bene rifuggire da una visione individualistica della propria funzione che può far correre il rischio di perdere di vista la finalità della legge e l'interesse generale della collettività"

  

Ieri, per la prima volta da quando si trova al Quirinale, Mattarella ha scelto di non delegare al suo vice al Csm, Giovanni Legnini, ogni valutazione sullo stato di salute della magistratura e parlando a un incontro con i magistrati ordinari in tirocinio, ha lanciato alcuni messaggi forti contro la repubblica della gogna. Mattarella ha detto che i processi si fanno in aula, e non in tv (“Occorre essere consapevoli che l’attenzione della opinione pubblica rivolta all’azione giudiziaria non può e non deve determinare alcun condizionamento nelle decisioni”). Ha ricordato che il magistrato non deve essere solo terzo e indipendente ma deve fare sempre di tutto per apparire tale (“L’irrinunziabile principio dell’autonomia e dell’indipendenza non può essere, in alcun modo, una legittimazione per ogni genere di decisione, anche arbitraria, bensì rappresenta la garanzia di difesa da influenze esterne affinché il magistrato utilizzi il suo bagaglio culturale per applicare il diritto nel caso concreto”). E ha attaccato infine tutti coloro che tendono a utilizzare la forza della toga come se fosse uno strumento utile a legittimare le proprie opinioni (“Il magistrato non deve né perseguire né dar l’impressione di perseguire finalità estranee alla legge ovvero di elevare a parametro opinioni personali quando fa uso dei poteri conferitigli dallo Stato: si metterebbe, in tal modo, a rischio la credibilità della funzione giudiziaria che è un bene prezioso e fondamentale nella società democratica e nel disegno della nostra Costituzione”).

 

La scelta di mettere il dito nella piaga dei rapporti tra magistratura, politica e media (chissà se a Davigo saranno fischiate le orecchie) è la spia di una nuova fase nella quale promette di muoversi il presidente della Repubblica ed è una scelta che si combina bene con un’altra mossa importante che potrebbe prendere forma nella giornata di oggi, se il governo (come sembra) riceverà dal Quirinale il consenso per chiedere la fiducia su una riforma sulla quale Mattarella sembra avere scelto la strada della non neutralità: l’approvazione della legge elettorale. Non si sa se la legge elettorale andrà davvero in porto ma si sa che nelle prossime ore potremmo avere la conferma che dopo tre anni di silenzi il capo dello stato, per arginare i professionisti dello sfascio, ha scelto di inaugurare una fase formidabile di nudge mattarelliani. Rimanere neutrale è spesso consigliabile ma non sempre è possibile. Specie se poi in ballo, improvvisamente, ci sono non le chiacchiere ma i confini della democrazia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • valentina falcioni sow

    valentina falcioni sow

    11 Ottobre 2017 - 12:12

    mai sottovalutare le persone..mai sottovalutare un uomo col fratello assassinato dalla mafia che ha portato lui stesso in agonia in ospedale..mai sottovalutare.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    10 Ottobre 2017 - 12:12

    E' mezzo secolo che sento questi buoni propositi e ciò mi ha convinto che questi buoni propositi rituali servano a mantenere lo stato quo. luigi de santis

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    10 Ottobre 2017 - 11:11

    La presenza attenta e silenziosa di Mattarella ha suscitato qualche ironia. C'e' da aspettarsi che una sua fase "nudge" gli attiri non poche critiche. In questo caso l' interventismo era più' che giustificato. Si è rivolto ai magistrati come presidente del CSM. Ma se dara' il consenso per la fiducia sulla legge elettorale si prepari a reazioni forti nei suoi confronti, anche da parte di chi teme, per causa sua, di dover rinunciare a qualche ospitata in televisione.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    10 Ottobre 2017 - 10:10

    C'è da sperare che le parole del Capo dello Stato abbiano poi gli effetti sperati. Infatti la Magistratura in Italia è sempre alla ricerca di visibilità e di perpetuazioni di privilegi.

    Report

    Rispondi

Servizi