Woodcock archiviato? Ovvio: il circo mediatico è perfettamente legale

La vittoria della cultura del sospetto è una delle grandi ferite di questa legislatura. Il codice anti mafia è il trionfo della repubblica giudiziaria

Woodcock archiviato? Ovvio: il circo mediatico è perfettamente legale

Al direttore - Equiparare corruzione e mafia è roba da Repubblica penale. La politica è sempre pronta a suicidarsi perché da un lato legifera dando più potere ai giudici e dall’altro continua a rubare. Non se ne esce.


Frank Cimini

 

La vittoria della cultura del sospetto è una delle grandi ferite di questa legislatura. Il codice anti mafia è il trionfo della repubblica giudiziaria. E il dramma di questa repubblica giudiziaria (ieri è stata archiviata un’indagine su Woodcock alla procura di Roma) è che non c’è nulla di illecito e nulla di illegale: lo strapotere dei magistrati e la capacità per i più disinvolti di poter utilizzare in modo arbitrario gli strumenti offerti dalla legge (compresi gli strumenti del circo mediatico) è legale, e chi non capisce che il problema è questo ha qualche problema a capire cosa è successo in Italia negli ultimi vent’anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    03 Ottobre 2017 - 14:02

    Non se ne esce. Perciò, trascinarsi un colpo populista alla botte e un colpo di tecnicismo da buonsenso al cerchio, fino alle prossime elezioni dove l'astensionismo trionferà, ossia "perderemos"...

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    03 Ottobre 2017 - 12:12

    Ho lanciato una scommessa di 100 contro 10 che Woodcok e compagna avrebbero goduto della sacrosanta e dovuta archiviazione.Nessuno ha accettato la scommessa. Ahò ormai lo sanno tutti che i magistrati vivono in Italia ma non sono italiani .Appartengono ad una specie che non discende da l'homo sapiens ma da calcomanie della dea Cibele. luigi de santis

    Report

    Rispondi

  • travis_bickle

    03 Ottobre 2017 - 11:11

    La cultura del sospetto e' quella che lo voleva burattinaio di un tentato golpe. In questo caso, sarebbe stata ben detta, per una volta tanto, da parte vostra, la consueta chiusa "e ora chi lo risarcira' della gogna mediatica?".

    Report

    Rispondi

    • umilemichele.cosenza

      03 Ottobre 2017 - 19:07

      Penso travis un sia un severo ed immacolato censore che gode come un voyeur nel leggere sulla stampa avvisi di garanzia (ed intercettazioni) che riguardano il prossimo noi no ! ps aspettiamo un lucido commento sulle famose inchieste dell' impavido PM senza macchie e senza peccato (con annesse documentazioni e risultati). aspettiamo con fiducia LUMI . In attesa di lumi un umile saluto , anzi un saluto sotto i suoi piedi (cit. Benigni e Troisi). con riverenza u.m. cosenza

      Report

      Rispondi

Servizi