cerca

Ronaldo e i record di chi sa fare la differenza quando conta

A Michel Platini era bastata una sola edizione, quella del 1984 (ed era a 8 squadre…), per realizzare 9 reti e diventare il marcatore più prolifico all'Europeo. A Cristiano Ronaldo sono servite quattro fasi finali per eguagliare il fu presidente dell'Uefa.

7 Luglio 2016 alle 08:45

Ronaldo e i record di chi sa fare la differenza quando conta

Cristiano Ronaldo esulta dopo la vittoria di ieri in semifinale contro il Galles (foto LaPresse)

A Michel Platini era bastata una sola edizione, quella del 1984 (ed era a 8 squadre…), per realizzare 9 reti e diventare il marcatore più prolifico all'Europeo. A Cristiano Ronaldo sono servite quattro fasi finali, è vero, per eguagliare il fu presidente dell'Uefa, ma è un dato che comunque ne sottolinea la costanza a livello internazionale. Perché il portoghese è anche andato in gol in tre Mondiali consecutivi, per un totale di sette grandi tornei “timbrati”. Nessun altro ci è riuscito, circostanza ancor più eclatante se si tiene conto della Nazionale che deve sorreggere da solo.

 

Lo si è visto anche contro il Galles, squadra “fotocopia” del Portogallo. Un gruppo di generosi volontari del pallone e un solo asso in squadra: Cristiano da una parte e Bale dall'altra. Mondi lontanissimi come, per esempio, Londra e il resto dell'Inghilterra. Questo rende ancor più significativa la finale raggiunta, dopo aver centrato la prima vittoria nei 90 minuti regolamentari. Per il Portogallo è l'occasione di una rivincita, dopo la dolorosa sconfitta in casa nel 2004 contro la irripetibile Grecia. Per Cristiano Ronaldo è l'opportunità di marcare ulteriormente la differenza rispetto all'eterno rivale Messi, tanto decisivo nel club quanto irrilevante in Nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi