cerca

Il misterioso virus in Cina è anche un nuovo test di credibilità per Pechino

Il primo caso in America dopo quelli in Asia

Giulia Pompili

Email:

pompili@ilfoglio.it

21 Gennaio 2020 alle 20:27

Il misterioso virus in Cina è anche un nuovo test di credibilità per Pechino

Sei morti e 298 contagi accertati, e almeno quattro pazienti infettati sono stati già identificati a Taiwan, in Thailandia, in Giappone e in Corea del sud. E poi il primo a Waschington (foto LaPresse)

Roma. Come spesso succede, la prima reazione sul nuovo tipo di polmonite che si sta diffondendo in Cina è stata la negazione. Ma con l’intensificarsi dei contagi anche fuori dai confini cinesi, il governo centrale di Pechino è stato costretto a uscire allo scoperto e a condannare i governi locali che probabilmente stavano cercando di minimizzare l’emergenza. Lunedì è stato confermato il sospetto del contagio tra uomo e uomo, non solo tra uomo e animale, e il ministero degli Esteri cinese...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulia Pompili

Giulia Pompili

Giulia Pompili è nata il 4 luglio. E' giornalista del Foglio dove scrive soprattutto di Asia – nel 2012 ha vinto il premio giornalistico "Umberto Agnelli" della Fondazione Italia Giappone. Recita a memoria i test missilistici di Kim Jong-un, ma pure le canzoni degli Afterhours. E' terzo dan di kendo.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi