cerca

La Brexit del tempo perso

Johnson si ritrova come la May, incastrato tra il Dup, i falchi e l’Ue. La politica del “tutto all’ultimo minuto”

17 Ottobre 2019 alle 06:00

La Brexit del tempo perso

(Foto LaPresse)

Il 21 settembre del 2018, 391 giorni fa, l’allora premier inglese Theresa May partecipò a un incontro con i colleghi europei a Salisburgo. Quella giornata – con le solite foto della May elegante e sola e con le smorfie – è passata alla storia come “l’imboscata di Salisburgo”: gli europei dissero alla May che l’unico accordo possibile sulla Brexit doveva includere (almeno) un confine nel mare d’Irlanda che di fatto divideva l’Irlanda del nord dal Regno Unito e manteneva l’Irlanda...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Paola Peduzzi

Paola Peduzzi

Scrive di politica estera, in particolare di politica europea, inglese e americana. Tiene sul Foglio una rubrica, “Cosmopolitics”, che è un esperimento: raccontare la geopolitica come se fosse una storia d'amore - corteggiamenti e separazioni, confessioni e segreti, guerra e pace. Di recente la storia d'amore di cui si è occupata con cadenza settimanale è quella con l'Europa, con la newsletter e la rubrica “EuPorn – Il lato sexy dell'Europa”. Sposata, ha due figli, Anita e Ferrante. @paolapeduzzi

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    17 Ottobre 2019 - 13:01

    Da Guglielmo l'Inghilterra è stata una protagonista quasi assoluta nel mondo d'occidente e qualche giornalista la tratta come una povera stracciona.Ma ,resta solo un commento a certi opinionari abbignerebbe togliere loro il vino.

    Report

    Rispondi

Servizi