Che caos, Ursula

David Carretta

10/10/2019

Che caos, Ursula

(Foto LaPresse)

Bocciata la candidata francese Goulard. C’è chi dice che così muore anche la Commissione von der Leyen

Bruxelles. La Commissione di Ursula von der Leyen è morta ieri, prima ancora di vedere formalmente la luce, con la bocciatura di Sylvie Goulard da parte dell’Europarlamento. La candidata francese, insieme a Margrethe Vestager e Frans Timmermans, era uno dei pilastri del prossimo esecutivo comunitario: una personalità competente, europeista, aperta al mondo, schietta, capace di rispondere alla sfida di rendere l’Ue adatta al mondo di oggi e a quella posta da populisti e nazionalisti. Ma sin dal giorno dalla sua nomina è diventata ostaggio di una serie di “giochetti politici” – come li ha definiti l’Eliseo – con l’alibi di alcuni guai giudiziari e potenziali conflitti di interessi. In realtà, l’avviso di garanzia ricevuto due anni fa per la gestione dei fondi per gli assistenti parlamentari e la consulenza ben retribuita per un think tank c’entrano poco con la bocciatura. Il presidente del gruppo del Partito popolare europeo, Manfred Weber, ha voluto “uccidere” Goulard (parola usata in un messaggio interno del Ppe) per vendicarsi di Emmanuel Macron che gli ha impedito di diventare presidente della Commissione opponendosi agli Spitzenkandidaten. I socialisti si sono accodati. Gli estremisti di destra e di sinistra cantano vittoria per aver abbattuto una commissaria dell’establishment con la complicità dell’establishment.

Il significato della bocciatura di Goulard va ben oltre i ritardi che potrebbero esserci per trovare un sostituto e garantire l’entrata in funzione della nuova Commissione il 1° novembre. Secondo Janis Emmanouilidis dell’European Policy Centre, quelli che hanno votato contro “alla fine della giornata avranno danneggiato non solo l’Europarlamento”, ma “anche la nuova Commissione e la presidente” con “conseguenze potenziali di lungo periodo per l’Ue e gli stati membri”. La nuova Commissione sarà un’anatra zoppa. Il rigetto di Goulard è innanzitutto il sintomo della debolezza di von der Leyen, che da “esecutivo comunitario diventa esecutore delle decisioni altrui”, dice al Foglio un osservatore brussellese. Von der Leyen ha subìto la nomina di commissari discutibili da parte di alcuni stati membri. Ha accettato di attribuire i portafogli sulla base delle priorità nazionali. Sta faticando a convincere Ungheria e Romania, i cui primi candidati sono stati mandati a casa, a mandare commissari presentabili. Dopo aver ottenuto la fiducia per appena 9 voti in luglio, chiusa nel suo ufficio con fedelissimi che non conoscono le dinamiche interne all’Ue, von der Leyen non è stata in grado di convincere nemmeno i suoi amici del Ppe su un peso massimo della sua squadra.

Il “no” a Goulard è anche il risultato di un’assenza di leadership all’interno dei partiti che dovrebbero formare la maggioranza antisovranista. “Nessuno controlla più i parlamentari”, spiega un funzionario europeo: “Chi voterà in futuro per gli accordi commerciali, per la riforma di Dublino, per un Green deal costoso per imprese e per lavoratori?”. E’ il preludio di una legislatura europea ingovernabile. “Segna l’inizio della guerra”, avverte un deputato europeo liberale. Macron ha già preso le armi in mano, ha ricordato che la nomina di una popolare tedesca alla testa della Commissione è merito suo, ha raccontato pubblicamente che è stata von der Leyen a insistere su Goulard dopo aver ottenuto il “sì” di popolari e socialisti. Ha avvertito che nessuno deve toccare il “portafoglio della Francia”. “Non capisco, se si mettono d’accordo su qualcosa, come possa cambiare tutto”. Macron di fatto ha accusato von der Leyen di non avere una maggioranza. La presidente eletta della Commissione si è limitata a rispondere che “non bisogna perdere di vista” i prossimi cinque anni. La giornata di ieri “può aprire un terremoto”, ha detto l’eurodeputato Carlo Calenda: “Potrebbe saltare tutta la Commissione e comunque getta un’ombra sull’avvio di questa legislatura europea”.