cerca

Sono figli di un Dio minore. “300 cristiani uccisi in Nigeria da febbraio”

Carneficine senza grancassa mediatica. “Per favore, non commettete lo stesso errore commesso con il genocidio in Ruanda”, dice il vescovo Gboko

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

24 Marzo 2019 alle 06:13

Sono figli di un Dio minore. “300 cristiani uccisi in Nigeria da febbraio”

In Nigeria sono circa 11.500 cristiani uccisi, un milione e trecentomila sfollati, 13 mila chiese abbandonate o distrutte (foto LaPresse)

Roma.300 cristiani sono stati uccisi in Nigeria da febbraio”, denunciava due giorni fa il Barnabas Fund nel rendere nota l’ampiezza dei massacri nel grande paese africano da parte dei pastori musulmani Fulani. Il vescovo William Avenya di Gboko ha detto ad Aiuto alla chiesa che soffre che il mondo non può aspettare un genocidio completo prima di decidere di intervenire. “Per favore, non commettete lo stesso errore commesso con il genocidio in Ruanda”, ha affermato il vescovo, riferendosi al massacro dei tutsi del 1994 in Ruanda.

  

Circa 11.500 cristiani uccisi, un milione e trecentomila sfollati, 13 mila chiese abbandonate o distrutte. Sono gli impressionanti numeri contenuti in una relazione presentata mesi fa all’Onu da Joseph Bagobiri, vescovo di Kafanchan, e che fanno riferimento al periodo 2006-2014. Almeno 38 cristiani sono stati uccisi nell’area di Moro (Kaduna) lo scorso 26 febbraio. Alle sei di mattina, 400 pastori fulani hanno attaccato diversi villaggi dell’area. “Ero in chiesa insieme ad altri fedeli quando abbiamo sentito gli spari e siamo subito scappati”, ha detto una testimone al Morning Star News. “Sparavano a tutti quelli che incontravano, hanno bruciato case e chiese”, racconta un altro. Il 10 febbraio nel villaggio di Angwan Barde, i fulani hanno massacrato undici cristiani. “Gridavano ‘Allahu Akbar’, hanno ucciso mio padre, mia madre, due fratelli e mia cognata”, ha detto Daniel Audu, leader del villaggio. “Hanno ucciso dieci membri della comunità, compresa una donna incinta in stato avanzato”.

 

Carneficine che si consumano senza alcuna grancassa mediatica. In occidente ci mobilitiamo notte e giorno per gli immigrati in mare. Ma ce ne freghiamo dei cristiani uccisi a terra. Figli di un Dio minore che non trovano posto in alcun album di famiglia.

Giulio Meotti

Giulio Meotti

Lavora al Foglio dal 2003. Si è laureato in Filosofia. Ha scritto per il Wall Street Journal. È autore di quattro libri su Israele, alcuni tradotti in più lingue. È sposato. Ha due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • pg.to

    24 Marzo 2019 - 12:12

    Grazie Sig. Meotti, grazie di continuare ad essere una voce dissonante e preziosa nell'imperante politicamente corretto che ci circonda. Non dico che Lei sia rimasto l'unico motivo per cui continuo a leggere Il Foglio, ma insomma...Noi occidentali cristiani siamo diventati - ormai è evidente anche alle pietre - i perfetti utili idioti dell'avanzata islamista. Chissà se ci sveglieremo? Di certo non con questo Papa.

    Report

    Rispondi

Servizi