cerca

Il budget-record di Trump

Muro (molto muro) e spesa militare. Inizia la campagna per la rielezione

12 Marzo 2019 alle 06:00

Il budget-record di Trump

Il testo del budget presentato dalla Casa Bianca (Foto LaPresse)

Il “Budget per un’America migliore” presentato ieri dalla Casa Bianca di Donald Trump è il primo capitolo della campagna per la rielezione del 2020. Per sua natura, il budget presidenziale è una lista di priorità, prima del negoziato del Congresso – che con i democratici in maggioranza alla Camera sarà molto duro – e prima del confronto con la realtà: per questo molti commentatori dicono di non guardare i numeri, o almeno di non concentrarsi su quelli, bensì sull’America del futuro che quei numeri disegnano. I titoli dei giornali parlano di budget “record” da 4.700 miliardi di dollari, con un aumento della spesa militare del 5 per cento (più di quanto richiesto dal Pentagono), con 8,6 miliardi di dollari per procedere con la costruzione del muro al confine sud del paese (più di quel che è stato finora discusso, e già cifre più basse sono state bocciate dal Congresso), con un taglio di 845 miliardi di dollari del Medicare (il sistema sanitario per i più anziani che in passato Trump aveva detto di voler mantenere e proteggere) e di 241 miliardi di dollari del Medicaid (il sistema sanitario per i più poveri, che è gestito con gli stati, ai quali Trump vuole delegare la spesa dei prossimi dieci anni).

 

Ci saranno anche tagli all’Agenzia che protegge l’ambiente e all’istruzione. Un’ulteriore diminuzione delle tasse – non compensata dai tagli – porterà a un aumento del deficit: 1.100 miliardi di dollari nel 2019, 2020, 2021, e mille miliardi nel 2022. Il deficit si aggiunge al debito esistente – 22 mila miliardi di dollari – e per i prossimi quindici anni non si vede la possibilità di una riduzione, anche se Trump ha più volte sostenuto di voler portare il debito a livelli molto più bassi in otto anni. Gli esperti prevedono già molti scontri con il Congresso e con il dipartimento del Tesoro (c’è un tetto al debito che va rispettato), un probabile shutdown parziale già a ottobre e qualche rimostranza anche da parte dell’elettorato trumpiano, ma la macchina elettorale è già all’opera: guardate come va bene la nostra economia. Il debito? Ce l’ha lasciato il governo precedente.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi