I pacifisti d’oggi sono un po’ putiniani un po’ assadisti. Eccoli in piazza a Londra

Mentre i Comuni dibattevano su un eventuale voto sul blitz di sabato Stop the War ha organizzato una manifestazione a Parliament Square, al grido “Don’t bomb Syria”

Paola Peduzzi

Email:

peduzzi@ilfoglio.it

16 Aprile 2018 alle 20:05

I pacifisti d’oggi sono un po’ putiniani un po’ assadisti. Eccoli in piazza a Londra

Due manifestanti della protesta di Londra, "Stop the War" (foto LaPresse)

Milano. Lunedì Theresa May, premier britannico, è andata ai Comuni per difendere il blitz militare di sabato contro le installazioni chimiche del regime siriano di Bashar el Assad cui il Regno Unito ha partecipato assieme all’America e alla Francia. Abbiamo difeso “l’interesse nazionale”, ha detto la May, e l’attacco era “la cosa giusta da fare” in difesa del diritto internazionale – non si possono utilizzare armi chimiche – e dei diritti umani del popolo siriano, che subiscono da sette anni...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • perturbabile

    16 Aprile 2018 - 23:11

    Sono affiatati 'per chimica'.

    Report

    Rispondi

Servizi