Le cheerleader del dittatore

Inebetirsi di fronte alla charme offensive di Pyongyang è pericoloso

Le cheerleader del dittatore

Cheerleader nordcoreane a Pyeongchang (foto LaPresse)

Le aspettative sulla possibilità che questo mondo capovolto torni diritto sono talmente ridotte che basta una piccola apertura, un sorriso malizioso o duecento ragazze vestite di rosso che si muovono in sincrono perfetto, per risollevarle un pochino. E’ per questo che la sorella di Kim Jong-un, la quieta Kim Yo-jong, ha conquistato l’attenzione di media e diplomatici di tutto il mondo soltanto presentandosi, come rappresentante ufficiale del regime nordcoreano, alle Olimpiadi invernali che si stanno svolgendo nel vicino sud. E’...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi