La vergogna di Oxfam

Uno scandalo che può fare solo bene all’umanitarismo, a lungo screditato

12 Febbraio 2018 alle 17:57

Altre accuse, altri paesi coinvolti, altri dirigenti, altre teste che rotolano. La vergogna di Oxfam sembra non avere fine. Penny Lawrence, vice direttrice esecutiva di Oxfam (nella foto a destra), lunedì si è dimessa e si è presa “tutta la responsabilità” per quanto avvenuto e per il comportamento dello staff, che stando alle accuse del Times e dell’Observer avrebbe ingaggiato prostitute, alcune giovanissime, a Haiti e nel Ciad. Sono a rischio anche i 38 milioni di sterline che ogni anno Londra devolve a Oxfam per “fare del bene”.

 

La celebre ong britannica è in ginocchio, travolta dagli scandali di prostituzione, di festini, di ricatti e di abusi sessuali in alcuni paesi. Oxfam ha tanti sostenitori che hanno donato un mare di soldi credendo di aiutare le persone più svantaggiate del mondo: come si sentiranno ora che è emerso il volto oscuro della carità?

 

Oxfam è sempre stata un’organizzazione palesemente politica, che è sempre andata ben oltre il suo mandato di aiutare gli sfortunati, e ora possiamo aggiungere anche accuse di ipocrisia e indifferenza al benessere delle stesse persone che avrebbe dovuto aiutare. Questo da parte di una ong che non è mai stata parca nel dare lezioni a tutti. Nel 2016 uno studio di Oxfam ha accusato la Gran Bretagna di essere uno dei dieci paesi più ricchi del mondo e dei meno generosi sui rifugiati. In zone disastrate, dove un terremoto ha ucciso 100 mila persone in 60 secondi, dove le città sono state ridotte in macerie, dove regnavano violenza, saccheggi e colera, alle ragazze alcuni dirigenti di Oxfam avrebbero offerto pochi dollari in cambio di favori sessuali. Se fosse stato scoperto che le vittime erano state abusate in una chiesa cattolica e che la gerarchia di Roma copriva il sacerdote, quella chiesa sarebbe stata bruciata in effigie da parte dell’indignazione mediatica e collettiva. Per Oxfam e altri scandali, come quelli dell’Onu, sembra valere la doppia presunzione di innocenza. Ma questo rogo simbolico non potrebbe che fare del bene all’umanitarismo, a lungo screditato da scandali sessuali e politici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    13 Febbraio 2018 - 13:01

    Insomma le Ong sono associazioni che esistono per porre in essere i loro propositi nobili e per questo ricevono anche cospcue ,eccessive,donazioni. Ma alla fine della storia i dirigenti si pappano compensi esagerati e quello che resta è dato a realizzare i propositi. A mio giudizio sono associazioni di truffatori.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    13 Febbraio 2018 - 00:12

    l tutto nasce dal fatto che l'uomo per farsi i prosaici, terreni affari suoi e trarne vantaggi di pecunia, status e potere, ha sempre ammantato i suoi propositi di umanità, solidarietà, virtù, nobiltà d'animo e d'intenti. La strategia è individuare, avvicinare e coinvolgere altre persone o gruppi che potessero trovare nel tuo nobile, altruistico progetto, opportunità di guadagni, in senso lato fino a quelli politici, anche per sé. Più cresci più acquisti potere, in tutti i sensi. Funziona così e Oxfam non poteva fare eccezione.

    Report

    Rispondi

Servizi