L'alfiere logorato di Trump, Jeff Sessions, è stato interrogato sul Russiagate

Il New York Times scrive che il procuratore generale è stato sentito da Mueller la settimana scorsa. A marzo 2016 aveva chiesto di ricusarsi dalle indagini sulle relazioni tra i russi e Trump

23 Gennaio 2018 alle 17:23

L'alfiere di Trump, Jeff Sessions, è stato interrogato sul Russiagate

Jeff Sessions (foto LaPresse)

Per la prima volta un membro del gabinetto di Donald Trump, il procuratore generale Jeff Sessions, è stato interrogato sulle presunte connessioni tra la Russia e le elezioni americane del 2016. Lo scoop è del New York Times, che riporta anche le parole di un portavoce del dipartimento di Giustizia, Sarah Isgur Flores, che ha confermato l'interrogatorio di diverse ore, condotto in gran segreto la settimana scorsa dallo special counsel, Robert Mueller.

 

A marzo dello scorso anno, Sessions – uno dei primi sostenitori di Trump, a cui il presidente deve buona parte del proprio successo elettorale – aveva chiesto di ricusarsi dall'inchiesta sul Russiagate. Il Congresso fu informato di alcuni incontri (almeno due) avuti tra Sessions e l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergey I. Kislyak, durante la campagna elettorale. Allora, Trump aveva reagito in modo molto duro, e aveva criticato su Twitter la posizione "molto debole" assunta da Sessions a proposito  dei “crimini di Hillary Clinton e sui leaker di intelligence”. Da allora, il rapporto tra i due si era incrinato, inaugurando un lungo logoramento. Trump aveva puntato anche sulla mediazione di un avvocato, Donald F. Graham II, per convincere Sessions a non disinteressarsi delle indagini sul Russiagate. Ma il procuratore generale preferì seguire i suggerimenti del dipartimento di Giustizia e si tirò fuori dalla vicenda, lasciando Trump privo della protezione di un suo fedelissimo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    23 Gennaio 2018 - 18:06

    Io vivo a Brigton nel contea di Livigston in Michigan e ho un`altro tipo di informazioni sugli USA. Informazioni di cui il Foglio mai parla. Per esempio e` in giacenza un MEMO di 4 pagine che dovrebbe essere reso pubblico che pare sia esplosivo .questo detto da coloro che l`hanno letto (congressisti) ma non ne possono rivelare il contenuto. Ieri l`FBI ha dichiarato di aver smarrito le comunicazioni di cinque mesi tra due personaggi chiave sia per l`indagine sulla Clinton e asssociati sia su Trump associati. Dato che io non vivo in una grande citta` liberal forse da la spiegazione di questa discrepanza. Ma,come ha dimostrato l`elezione di Trump, l`America e` anche quel territorio che si trova tra New York e la California.

    Report

    Rispondi

Servizi