cerca

Sui confini della Nuova Europa

Con l'arrivo della Brexit cambierà la vita dei porti, dei collegamenti, delle regioni che si affacciano sulla Manica – mentre la questione nordirlandese è al momento sopita ma non risolta. Qualche spunto dalle prossime frontiere

17 Gennaio 2018 alle 17:43

Loading the player...

La Brexit, le riforme dei Trattati, la rifondazione dell'Europa. L'Unione europea nel 2018 inizia a cambiare la sua faccia, vuole arrivare al prossimo anno con un'altra espressione, approfittando della convergenza economica positiva e dello slancio riformatore dei suoi leader. Emmanuel Macron, presidente francese, aspetta che a Berlino – dove sta la sua “Angelà” Merkel – si formi un governo e intanto mette le basi per alleanze e sodalizi votati alle riforme. Macron ha scelto la via dei bilaterali, con l'Italia e con l'Inghilterra, mentre cerca di investire sugli interessi comuni con le varie aree regionali europee.
Ai confini c'è un gran fermento. Con l'arrivo della Brexit cambierà la vita dei porti, dei collegamenti, delle regioni che si affacciano sulla Manica – mentre la questione nordirlandese è al momento sopita ma non risolta. Come saranno allora le frontiere di questa nuova Europa? Chi le gestirà, e come? Soprattutto: chi pagherà per questa ridefinizione dei confini? Ecco qualche spunto.


  

Un’Europa dai nuovi confini

Chi pagherà per tutte le dogane post Brexit? Il caso Rotterdam

 

Non c’è più pace nella Manica

La guerra dei porti tra Francia e Regno Unito rischia di trasformare il canale in una “strozzatura” degli scambi commerciali

 

Sulla frontiera di Calais, dove Brexit e migranti si guardano in faccia

L'inviato della regione francese a Londra ci spiega il negoziato per il porto. Le ong chiedono più umanità a Parigi. Aspettando Macron

 

Il cuore della Brexit

La questione nordirlandese non è un cavillo, è la sintesi di quel che significa rifare i confini dell’Ue

 

Per May l'accordo sulla Brexit è un preludio ai disastri della "fase due"

Il premier britannico ha dovuto cedere su tutte le linee rosse tracciate da Londra. Per il periodo transitorio avrà doveri senza diritti. Brexiteer infuriati 

 

Quattro rivolte sulla questione irlandese rovinano il pranzo May-Juncker

La premier inglese accetta una proposta hard, ma nordirlandesi, gallesi, scozzesi e Londra si infuriano. Bruxelles: troveremo un accordo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi