Wendi è una spia cinese! L'ultimo capitolo della guerra dei Murdoch

La rivelazione sul Wall Street Journal e i sussurri nell'orecchio dei Trump

17 Gennaio 2018 alle 10:08

Wendi è una spia cinese! L'ultimo capitolo della guerra dei Murdoch

Rupert Murdoch con l'ex moglie Wendi (foto LaPresse)

Roma. I ricchi sono diversi da noi. Hanno più soldi; e talvolta giornali. Sarebbe una bella classica storia di divorzio con strascico quella tra Rupert Murdoch e l’ex moglie Wendi Deng, lui la scopre a letto con un altro e chiede il divorzio, si risposa, lei mantiene il cognome e si fa vedere in giro con un toy boy. Se non fosse che lui è anche un editore non del tutto irrilevante, e quindi fa scrivere al suo giornale che lei è una spia cinese. Lui si chiama Rupert Murdoch, lei è una tiger-wife molto amica del clan Trump. La storia è venuta fuori ieri sul Wall Street Journal (di proprietà di Murdoch), secondo cui Wendi Deng, quarantanovenne ex moglie del magnate e frequentatrice di Ivanka Trump e del marito plutocrate Jared Kushner, opererebbe talvolta in quanto spia del governo cinese. Secondo non meglio precisate fonti del Wsj, i Trump-Kushner sarebbero stati messi in guardia dal controspionaggio americano riguardo a Deng, che agirebbe per conto di Pechino. In particolare, Deng farebbe segrete azioni di lobbying per costruire dentro l’orto botanico di Washington di una torre alta venti metri col fine di intercettare tutti tutti, Congresso e Casa Bianca.

 

Più che una complicata spy story internazionale pare l’ultimo capitolo di questa Guerra dei Roses che va avanti da anni – e che sembra perfettamente adatta al signore che in fondo ha innalzato il gossip a business mondiale. Michael Wolff, il biografo di Murdoch più noto ultimamente per essere l’autore del libro dell’anno, quel “Fire and fury” che ha messo sottosopra la Casa Bianca, ha commentato la vicenda come si vuole in un tweet. “Da quando hanno divorziato”, ha scritto il giornalista, “Murdoch va dicendo in giro a chiunque sia disposto ad ascoltarlo che Wendi è da sempre una spia cinese, anche quando erano sposati”. Wolff cita molto nel suo libro i “Jarvanka” cioè la coppia Jared-Ivanka, che sono amici da lungo tempo di Wendi Deng, si instagrammano coi loro vestitini e fanno viaggi e affari insieme.

 

Però Wendi è di un’altra categoria. Come una Wallis Simpson rediviva, Deng, che aveva già un marito americano alle spalle, anche lui vecchiotto, anche lui cornificato, sposò Murdoch nel 1999 avendolo conosciuto mentre lavorava in una tv del gruppo. Ma l’anziano tycoon domandò il divorzio nel 2013 quando venne fuori tutta la storia di lei con Tony Blair: i due amoreggiavano nelle varie residenze del magnate sparse per il mondo e in particolare nella tenuta californiana di Carmel a fine 2012, mentre Murdoch era trattenuto in Australia al capezzale della fondamentale centenaria mamma Rose in fin di vita. Si disse che organizzò tutto Wendi, che pare abbia una passione per gli uomini di potere (ma sarà sessismo). Fondamentali comunque furono le rivelazioni dei domestici, oltre al ritrovamento di certi bigliettini che Deng si appuntava rispetto all’ex premier inglese. “I suoi vestiti sono così belli!”, in uno. In un altro “belle gambe, bel culo”, e ancora: “Dio, come mi manca!”. Se è una spia è un disastro di spia. Mentre fino a quel punto era andata benissimo: figlia di un direttore di fabbrica, dalla Cina della rivoluzione culturale (in cinese: Deng) arrivò in America per studiare grazie a una coppia di americani che l’avevano un poco adottata, e come una Woody Allen al contrario, lei si prese il marito, con relativa green card. Si laureò, fece un master a Yale. Amò riamata Murdoch. Fece comunque in tempo a fargli da scudo umano quando, nel pieno dello scandalo intercettazioni, una signora tentò di tirargli una torta in faccia. E produsse con successo due bambine (lui era già al terzo matrimonio). L’ottuagenario ci rimase molto male, soprattutto per Blair, che ne aveva tenuta a battesimo una, in un complicato rituale acquatico sul fiume Giordano. Dopo il divorzio, segretissimo e si presume negoziato a siderali cifre, Deng si fece fotografare con un toy boy ventunenne tartarugato, il modello ungherese Bertold Zahoran. Murdoch per tutta risposta si risposò con una celebre signora, Jerry Hall. Lei allora flirtò con Putin. Adesso lo spionaggio. La storia chiaramente non finisce qui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi