La Tunisia in rivolta

Gli scontri, il peso della Primavera fallita, il contagio, l’obbligo di non distrarsi

La Tunisia in rivolta

Foto LaPresse

Altre 150 persone sono state arrestate venerdì in Tunisia, le proteste e gli scontri con la polizia sono destinati a intensificarsi nel fine settimana. Giovani e disoccupati manifestano da giorni soprattutto nelle città dell’entroterra lontane dalla costa più ricca contro l’aumento delle tasse e dei prezzi dei beni alimentari di prima necessità: morti, feriti, arresti, una rabbia che le autorità non sanno gestire. Si sente aria di Primavera araba ma pesa sull’insofferenza il fatto che una Primavera ci sia già...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi