La Svezia ha un problema con gli ebrei

Parlamentari alle marce antisemite, molotov sulle sinagoghe e roghi di bandiere israeliane. Cosa sta succedendo nel paese scandinavo

La Svezia e l'antisemitismo dilagante

Foto LaPresse

Roma. Nel weekend, dopo la decisione statunitense di riconoscere Gerusalemme capitale di Israele, slogan come “morte agli ebrei” e “morte a Israele” sono stati scanditi davanti all’ambasciata americana a Londra e sotto la Porta di Brandeburgo a Berlino. Ma è in Svezia che l’antisemitismo ha mostrato il suo volto più agghiacciante. Sabato sera, bombe molotov sono state lanciate contro una sinagoga a Göteborg, mentre un gruppo di ragazzi ebrei si barricava nell’adiacente centro ebraico. Poche ore dopo, bandiere israeliane venivano bruciate a Stoccolma. A Malmö, la terza città del paese, centinaia di persone si ritrovavano per gridare in coro “spareremo agli ebrei”. E il giorno dopo, altre bombe molotov sono state lanciate contro una cappella ebraica. La polizia svedese ha incrementato la sicurezza attorno agli edifici della comunità ebraica dopo questi eventi che hanno scioccato il paese (il premier, Stefano Löfven, ha condannato “l’incitamento alla violenza contro gli ebrei”). Ma il fatto che a una manifestazione in cui si gridava “morte agli ebrei” abbiano preso parte anche dei parlamentari svedesi (si difendono dicendo che non avevano compreso gli slogan in arabo) getta una luce sinistra sulla socialdemocrazia svedese.

 

“Gli ebrei in Svezia sono spaventati e i genitori hanno paura di lasciare i figli all’asilo ebraico”, ha detto Johanna Schreiber, una nota giornalista che vive a Stoccolma. “Si ha paura di andare in sinagoga e ci sono persone che si stanno togliendo le stelle di David perché hanno troppa paura a indossarle”. Esprimere il sostegno pubblico a Israele può essere pericoloso, ma la polizia non sempre fornisce una protezione adeguata agli eventi pro-Israele. Durante una manifestazione a Malmö, la piccola folla di sostenitori di Israele è stata costretta ad abbandonare l’evento dopo che la polizia non è stata in grado di impedire a migliaia di sostenitori palestinesi di attaccare le barricate e correre verso il gruppo. Idit Margulis, un israeliano che vive in Svezia da sette anni, ha smesso di andare ai raduni pro Israele dopo la nascita della figlia. “Ho paura che qualcuno mi ferisca quando sono lì”, ha detto Margulis ai media svedesi.

 

In seguito all’attacco a Göteborg, alcuni osservatori, tra cui il Simon Wiesenthal Center, hanno collegato gli incidenti all’atteggiamento del governo svedese nei confronti di Israele. Nel 2014, la Svezia è diventato il primo stato membro dell’Unione europea a riconoscere lo “stato di Palestina”. Il ministro degli esteri Margot Wallström ha poi suggerito che la motivazione degli attacchi terroristici a Parigi, durante i quali i terroristi islamici hanno ucciso 130 persone, derivava dalla frustrazione dei palestinesi. Hanif Bali, un membro del Parlamento per il Partito moderato di centro destra, il più grande all’opposizione, ha ricevuto una miriade di lettere di odio a causa del suo aperto sostegno a Israele. Bali ha dovuto fare ricorso alla protezione della polizia dopo le minacce di morte.

 

Qualche anno fa, dopo i primi clamorosi episodi di antisemitismo, il Wall Street Journal pubblicò un articolo dal titolo: “L’Eurabia si trova in Svezia”. E andrà sempre peggio. Nei giorni scorsi, il Pew Forum ha spiegato che, a seconda dei flussi migratori, la Svezia entro trent’anni avrà fra il venti e il trenta per cento di popolazione di fede islamica. In quello scenario, lo slogan “Itbah al Yahud” (uccidete l’ebreo), risuonato nei giorni scorsi nelle piazze svedesi, rischia di diventare una colonna sonora nell’arrendevole socialdemocrazia scandinava.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    14 Dicembre 2017 - 22:10

    Signor Meotti io non sono sorpreso.Ricordo che a febbraio il Presidente Trump cito` proprio la Svezia ecc, ecc, Ora Lei e` sempre in prima libea in difesa di Israele e degli ebrei posizione che e` ufficialmente anche del Foglio, Questo ha fatto si che io,vivendo negli Stati Uniti,mi sia abbonato. Purtroppo la linea del Foglio e` di piena ostilita` nei confronti del Presidente Trump che ha torto a prescindere. Spesso o quasi sempre mi ritrovo a rileggere i commenti o concetti del New York Times come in un Copia e Incolla . Oggi non sono contento che Trump,a suo tempo,abbia visto giusto in quanto la persecuzione del popolo ebraico mi tocca personalmente.

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    13 Dicembre 2017 - 20:08

    Questo articolo conferma che dietro le lotte in favore del popolo palestinese (ma non in favore di altri popoli, come ad esempio quello curdo) si cela quasi sempre l'antisemitismo, il quale cerca di camuffarsi, ma alla fine si mostra inequivocabilmente per quello che è.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    13 Dicembre 2017 - 18:06

    Si fa un gran parlare delle progredite ( in qual senso???) democrazie nordiche ,ma sono tutte balle ,anzi . Non hanno alcuna eredità greco-romana e tanto meno giudaico -cristiana. Hanno morali posticce che sono adattate con rozzo opportunismo alle situazioni contingenti. ( Sebrenica è ottimo testimonial) Senza il premio Nobel che le nobilita anche se svedese sarebbero considerate paesi ricchi ma sottosviluppati antropologicamente in senso culturale. Non hanno conosciuto se non alla lontana umanesimo e rinascimento patrimonio solitario della Europa continentale e per fratellanza anche la Inghilterra. Sono popoli senza storia ,storia vera . Inutile citare Re Federico ,una rondine a primavera. Stare sempre in campana con quelli lì.luigidesantis

    Report

    Rispondi

Servizi