cerca

E' morto il generale croato che si è avvelenato nell'aula del tribunale dell'Aja

Per Slobodan Praljak i giudici avevano confermato in appello la condanna per crimini di guerra. Lui si è alzato in piedi e ha ingerito il liquido contenuto in una boccetta: "E' veleno", ha detto

29 Novembre 2017 alle 12:25

Un generale croato si è avvelenato nell'aula del tribunale dell'Aja

Slobodan Praljak ingerisce del veleno dopo la lettura della sentenza all'Aja

Alla lettura della sentenza al processo d'appello per crimini di guerra all'Aja, l'ex generale croato Slobodan Praljak – per il quale è stata confermata la condanna a 20 anni di reclusione – ha rivolto un discorso alla corte e poi ha ingerito a favore di telecamere un veleno che l'ha ucciso qualche ora dopo in ospedale.

   

 

Praljak era uno dei sei leader politici e militari croati chiamati a rispondere davanti al Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia (TPIY) dell'accusa di crimini di guerra compiuti tra il 1992 e il 1994 durante il conflitto croato-bosniaco. "Rifiuto il vostro verdetto. Ho preso del veleno", aveva detto Praljak subito dopo avere ingerito il liquido contenuto in una boccetta. La corte ha subito interrotto la seduta e le riprese video sono state sospese. Resta da chiarire come sia stato possibile a un imputato di un processo in un tribunale internazionale procurarsi il veleno e a poterlo introdurre nell'Aula.

 

Praljak, 72 anni, era accusato di avere comandato gli uomini dell'esercito croato che avevano commesso crimini contro l'umanità e violenze contro la popolazione bosniaca di fede musulmana in almeno 30 diverse località. Tra i capi di imputazione di cui era stato ritenuto colpevole, in qualità di alto ufficiale delle forze armate croate, c'erano quelle di trattamento disumano, deportazione di civili, stupro e persecuzione su base politica, religiosa e razziale. Nel 1993, alla notizia che l'esercito croato aveva circondato il villaggio di Prozor, Praljak non fece nulla per impedire la strage. L'ex generale rifiutò anche di intervenire in diversi altri casi di aggressioni alla popolazione musulmana e al personale delle organizzazioni internazionali ed era ritenuto tra i responsabili della distruzione dello Stari Most, il ponte ottomano di Mostar.

 

Ingegnere, poi direttore di un teatro e scrittore, Praljak era entrato nelle forze armate solo più tardi, tra i ranghi dell'esercito della Erzeg-Bosnia, una piccola Repubblica dei croati di Bosnia che si era autoproclamata indipendente. Nonostante i crimini di guerra commessi, l'ex generale era considerato in Croazia una figura degna di rispetto e di rilievo nazionale. La presidente croata, Kolinda Grabar-Kitarović, solo la settimana scorsa, aveva fatto recapitare a Praljak un messaggio di auguri in occasione di un'opera scritta in suo onore e intitolata "Generale Praljak". "Il contributo del generale è stato di immensa importanza per la difesa della Croazia e della Serbia contro l'aggressione della Grande Serbia e per la sopravvivenza del popolo croato", aveva scritto la presidente. Alla notizia della morte del generale, Grabar-Kitarović ha interrotto le sue attività istituzionali (era impegnata in un viaggio ufficiale in Islanda) e ha ricordato Praljak come "colui che ha difeso le verità rimosse dopo la guerra". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    30 Novembre 2017 - 10:10

    Non rammento se gli elmetti pieni di occhi di soldati italiani, al tempo della guerra partigiana di Tito, erano attribuibili ai serbi o ai croati; gente che avendo avuto a che fare con i musulmani per secoli non sono mai stati teneri nemmeno tra loro. Ma è certo che ce ne hanno messo del tempo a capire che finchè si tratta di cristiani passi, ma quando si tratta di maomettani, oltretutto abilissimi a passare per vittime, con i tempi che corrono, e il tribunale dell'Aja è in perfetta sintonia con essi, anzi per essi è stato creato, per chi li tocca sono cavoli amari. I buoni sentimenti non sono mai stati tanto selettivi come adesso.

    Report

    Rispondi

  • Leonherd

    29 Novembre 2017 - 21:09

    Ora devono condannare il tribunale per omissione di soccorso. Ha ingerito del veleno davanti a tutti e non ci voleva un genio per capirlo...

    Report

    Rispondi

Servizi