cerca

I giudici tedeschi per il boicottaggio di Israele

Se sei israeliano non puoi volare con Kuwait Airways, dice la libera Germania

18 Novembre 2017 alle 06:00

I giudici tedeschi per il boicottaggio di Israele

Foto di Bill Wilt via Flickr

Il boicottaggio di Israele sembra abbia appena acquistato un altro eccellente alleato: la Germania. Quantomeno i suoi giudici. Ieri una corte di Francoforte ha rigettato il ricorso di un cittadino israeliano al quale lo scorso anno, benché avesse un regolare biglietto, era stato impedito di salire su un volo della Kuwait Airways Francoforte-Bangkok. Il motivo? Una legge del 1964 del Kuwait, che impedisce alle aziende del paese di fare affari con i cittadini israeliani. E siccome, secondo i giudici tedeschi, un tribunale tedesco non può questionare su una legge di un paese altrui, allora la discriminazione subita dal libero cittadino israeliano in un paese dell’Unione europea è legittima. Ma non solo: il cittadino non è stato nemmeno compensato del costo del biglietto, perché la legge anti discriminazione tedesca, si legge su Haaretz, si applica soltanto sulla base di motivazioni di razza, di religione e di etnia, non di nazionalità. L’assurdità è che se un domani una compagnia aerea decidesse di non far salire sui propri aerei persone dalla pelle scura o di religione musulmana, la compagnia – giustamente – sarebbe sanzionata e probabilmente chiuderebbe dopo una manciata di minuti. Ma quando si tratta della discriminazione e del boicottaggio di un cittadino israeliano nessuno protesta. Nemmeno nella liberissima e apertissima Germania. A parte le motivazioni contestabili dei giudici tedeschi, c’è una riflessione da fare: quanto è forte, oggi, nel mondo del business, la legittimazione del boicottaggio di Israele? Di questo passo, fino a dove si può arrivare?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    18 Novembre 2017 - 11:11

    In Italia la legge impone ad un negoziante di vendere a chiunque voglia acquistare a prescindere dalla nazionalità dell'avventore, della sua religione, del suo credo politico o delle sue preferenze sessuali e caratteriali. Dovrebbe essere così anche in Germania, senonchè in questo caso le leggi internazionali prevedono che una nave o un aereo siano territorio del paese che rappresenta commercialmente e la questione si complica parecchio. Certamente rimane il disonore che ricade sul Kuwait e le sue norme naziste e la possibilità per i cittadini del mondo di boicottare la compagnia aerea del Kuwait ma anche i distributori di carburanti legati a questo paese e tutte le sue merci, se produce qualcosa oltre al petrolio.

    Report

    Rispondi

Servizi