Entra in chiesa e uccide 26 persone. Cosa sappiamo della strage di Sutherland Springs

David Patrick Kelley, veterano dell’aeronautica di 26 anni, ha sparato sui fedeli che partecipavano alla messa nella cittadina a est di San Antonio. La polizia lo ha ritrovato morto dopo una breve fuga. Ancora ignoto il movente 

Entra in chiesa e uccide 26 persone. Cosa sappiamo della strage di Sutherland Springs

La chiesa battista di Sutherland Springs, in Texas (foto LaPresse)

Ieri un veterano dell’aeronautica di 26 anni è entrato in una chiesa battista di Sutherland Springs, in Texas, e ha aperto il fuoco con un fucile semiautomatico sui fedeli riuniti, uccidendo 26 persone e ferendone oltre 20. Dopo la carneficina un residente della zona lo ha affrontato con un’arma da fuoco fuori dalla chiesa, l’uomo è fuggito sulla sua auto ed è uscito di strada dopo una breve fuga. La polizia lo ha trovato morto, e non è chiaro al momento se il proiettile fatale sia stato sparato dalla persona che ha tentato di fermarlo, dagli agenti che nel frattempo erano intervenuti oppure la follia si sia conclusa con il suicidio.

 

Le vittime rappresentano uno spaccato di questa comunità rurale a est di San Antonio che conta soltanto qualche centinaio di abitanti: l’età dei morti va dai 5 ai 72 anni, e fra questi c’erano anche una donna incinta e la figlia quattordicenne del pastore. Una delle vittime è deceduta in ospedale, mentre due sono state freddate fuori dalla chiesa: dalla ricostruzione della polizia il killer ha parcheggiato l’auto presso un benzinaio a pochi metri dall’edificio e ha iniziato a sparare appena uscito dalla macchina, facendosi largo nella First Baptist Church da un ingresso laterale.

 

  

Lo stragista si chiama David Patrick Kelley, è residente nella cittadina di New Braunfels, a 35 miglia da Sutherland Springs, dove, dicono gli attoniti residenti, tutti si conoscono. Gli inquirenti non hanno trovato per il momento nessun legame accertato con organizzazioni terroristiche, e non si sa quale possa essere il movente – ammesso che ci sia. Secondo le informazioni dell’aeronautica, Kelley è stato dimesso in modo disonorevole dal corpo militare per cattiva condotta nel 2014, dopo essere stato giudicato dalla Corte marziale per violenze nei confronti della moglie e del figlio. La condizione di veterano dimesso senza onori gli impedisce di possedere legalmente un’arma da fuoco. Nei giorni precedenti alla strage ha pubblicato sui social alcune foto con un AR-15, il fucile usato per la carneficina. Dal Giappone il presidente, Donald Trump, ha condannato questo “act of evil” e ha vestito i panni del consolatore della nazione, promettendo alle famiglie delle vittime che “non le lasceremo mai sole”. “In tempi bui come questi – ha detto Trump – gli americano fanno quello sanno fare meglio, si uniscono”. Naturalmente la strage ha rinfocolato l’eterno dibattito americano sul controllo delle armi da fuoco. L’ex presidente, Barack Obama, che ha vissuto otto anni di governo punteggiati da mass shooting  e si è battuto invano per restringere l’accesso alle armi, ha scritto su Twitter: “Che Dio ci conceda la saggezza di domandarci quali passi concreti possiamo fare per ridurre la violenza e le armi che circolano fra di noi”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    06 Novembre 2017 - 19:07

    Quando in un corpo umano viemne effettuato un trapianto inevitabilmente si assiste alla crisi di rigetto. Nel mondo politico americano e` accaduta la stessa cosa. Trump e` l`estraneo che creato una forte reazione di rigetto nell`Establishment e quindi in entrambi i partiti i quali non vogliono prendere atto della realta` Erano cosi` convinti che perdesse e quindi ne hanno fatte di tutti i colori sicuri di non dover pagare il dazio. Il mio timore e` che non riuscendo con le loro sporche manovre a defenestare i Presidente si giunga alla soluzione estrema. Forse saro` censurato per quello che sto per dire. Trump sara` il primo Presidente a Americano del 21esimo secolo ad essere assassinato. Ci penseranno i media a creare il terreno favorevole ove l`imbecille o idiota di turno portera` a termine l`opera da loro iniziata.

    Report

    Rispondi

    • branzanti

      06 Novembre 2017 - 21:09

      E se magari fosse meno divisivo su qualsiasi tema e meno offensivo e senza rispetto nei confronti di chiunque? E se magari avesse un'idea, anche non condivisibile, ma strutturata su qualche argomento?

      Report

      Rispondi

  • branzanti

    06 Novembre 2017 - 12:12

    Lasciamo da parte il tema delle armi (che questa tragedia non modifica in alcun modo) e poniamo piuttosto l'accento sulla condizione di un paese profondamente diviso al suo interno ed attraversato da pulsioni di rabbia e paura che facilmente sfociano nella violenza più distruttiva. Quando si creano situazioni così gravi e complesse nessuna componente è immune da responsabilità ed è un gioco sterile cercare chi sia più colpevole (ho la mia idea come chiunque legga queste notizie ma oggi non voglio sottolinearle). Sono soltanto certo che la situazione potrà soltanto peggiorare e la "guerra civile fredda" aggravarsi se il paese non sarà capace di ritrovare forme concrete di "idem sentire" al di sopra della normale dialettica politica. Ma non sono sicuro che possa avvenire.

    Report

    Rispondi

  • Ferny55

    06 Novembre 2017 - 11:11

    Ho paura che qualcuno in America voglia una guerra civile. A più di un mese dalla mattanza di Las Vegas il FBI non è grado di chiarire il movente della carneficina. Due giorni fa è stato aggredito un senatore repubblicano sostenitore di Trump. Qualche mese fa grazie all'intervento degli uomini della sicurezza é stata evitata una mattanza di senatori repubblicani. Difficile pensare a delle semplici coincidenze.

    Report

    Rispondi

Servizi