cerca

Adios autonomia? Rajoy insiste sul 155, Barcellona verso la dichiarazione d'indipendenza

Nella regione catalana si è compiuta "una violazione plateale ed evidente delle leggi spagnole" e dunque "della democrazia e dei diritti di tutti". Il premier dice che la colpa "è solo di Puigdemont"

27 Ottobre 2017 alle 11:54

Adios autonomia? Rajoy insiste sul 155, Barcellona verso la dichiarazione d'indipendenza

"Non c'è alternativa" all'applicazione dell'articolo 155 della Costituzione per sospendere l'autonomia della Catalogna. Per il premier spagnolo Mariano Rajoy, che ha parlato questa mattina in Senato, nella regione catalana si è infatti compiuta "una violazione plateale ed evidente delle leggi spagnole" e dunque "della democrazia e dei diritti di tutti". Il premier ha ribadito la necessità della destituzione del presidente catalano Carles Puigdemont, del vicepresidente Oriol Junqueras e di tutti i membri del Govern, commissariando di fatto al governo centrale l'amministrazione catalana, che rimarrà ufficialmente in piedi.

 

Rajoy nel suo discorso ha indicato come unico responsabile dell'attivazione dell'articolo 155 Puigdemont: "E' sua la responsabilità di quanto sta accadendo oggi. Il governo di Madrid ha dato per due volte l'opportunità a Puigdemont di chiarire se avesse dichiarato o meno l'indipendenza nel Parlament catalano, lo scorso 10 ottobre. Puigdemont non ha voluto rispondere e in tal modo ha deciso l'attivazione dell'articolo 155". Il Senato dovrebbe votare l'articolo costituzionale entro le 15.

 

Nel frattempo, a Barcellona il Parlamento catalano discute sul dichiarare l'indipendenza dalla Spagna in risposta al voto sul 155. Junts pel Sí, la coalizione indipendentista cui appartiene lo stesso Puigdemont, ha presentato in Aula una mozione che propone di costituire in Catalogna una repubblica in forma di "stato indipendente". Il voto, anche in questo caso, dovrebbe essere nelle prossime ore.

 

Secondo i retroscena di alcuni giornali spagnoli, i canali del dialogo tuttavia non si sono del tutto prosciugati. Dal Partito socialista molti esponenti dicono che c'è ancora tempo: fino all'atto finale delle votazioni, Puigdemont e Rajoy hanno ancora la possibilità di raggiungere un accordo, come quello sull'indizione di nuove elezioni che è saltato all'ultimo ieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • chiri

    chiri

    27 Ottobre 2017 - 15:03

    Non voglio intromettermi ne fare lezioni a chicchessia a qualcuno voglio solo dire che non ha senso tutto questo ne il portare la monarchia a carattere regale a vita come ha avuto la durata il regno dell'Italia e delle due Sicillie con un passaggio di poteri di cui non si possono negare gli aspetti positivi è giusto che sia così per la Spagna

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    27 Ottobre 2017 - 13:01

    Puigdemont mi ricorda D'Alema e questo lo qualifica .Arteriosclerosi dalemiana in anticipo ,ossessione di protagonismo ,furbizia catalana? Salta chi zompa diceva Platone ed allora a chi tocca non si ingrugna, caro Rajo, devi abbozzà ,posto che i coglioni europei tifano per la patrietta catalana sventolando la bandiera della EU. lds

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    27 Ottobre 2017 - 12:12

    Così Puigdemont passa dalla parte del torto, anche perché in Catalogna non ha la maggioranza, in caso di elezioni.

    Report

    Rispondi

Servizi