cerca

Jiang Zemin, il "rospo" è tornato

Ha 91 anni, è stato dato per morto una decina di volte ed è il volto più umano della politica cinese

Giulia Pompili

Email:

pompili@ilfoglio.it

19 Ottobre 2017 alle 08:31

Jiang Zemin, il "rospo" è tornato

Jiang Zemin al XIX Congresso del Partito comunista (foto LaPresse)

Roma. Durante la cerimonia d’apertura del Congresso, l’uomo più fotografato non è stato il maratoneta Xi Jinping. Ad attirare l’attenzione dei media ci ha pensato l’ex presidente Jiang Zemin, che subito prima della cerimonia d’apertura, come da protocollo, si è seduto insieme al suo successore, Hu Jintao. Novantuno anni, dato per morto almeno una dozzina di volte nell’ultimo decennio, Jiang non è solo l’uomo che ha traghettato la Cina nelle rivoluzioni economiche tra gli anni 90 e i 2000, ma è pure uno straordinario e inusuale personaggio pop, che rompe gli schemi della politica cinese ingessata e pomposa. Ieri, mentre Xi parlava, lui sbadigliava, e poi guardava l’orologio attraverso i celebri occhiali che gli fecero guadagnare il soprannome di “rospo”.

 


Jiang Zemin sbadiglia durante i lavori del XIX Congresso del Partito comunista (foto LaPresse)


  

Quegli occhiali, la bocca grande e un certo talento per l’umorismo aprirono la strada al fenomeno “moha”, che vuol dire più o meno prendere in giro affettuosamente l’ex presidente online. Ieri il “rospo” aveva perfino una grossa lente d’ingrandimento (di una marca tedesca, hanno notato alcuni utenti su Twitter) per leggere il discorso di Xi. Ma non è una novità che Jiang attiri tutte le attenzioni: era accaduta la stessa cosa nel 2012, durante l’ultimo Congresso. Del resto, Jiang rappresenta il leader forte – molte questioni sulla sua leadership sono ancora controverse, come il trattamento riservato ai praticanti del Falun Gong – ma è stato l’unico davvero umanizzato della storia contemporanea cinese. Nel paese dove i simboli sono più importanti delle parole, la sua presenza in certe cerimonie ha a che fare con i suoi frequenti e chiacchierati dissidi con l’attuale presidente, ma soprattutto con un tipo di politica che non potrebbe essere più distante da quella della “nuova èra” di Xi Jinping. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi