La guerra infinita fra Trump e i media. Con un effetto finale che ci riguarda tutti

Il presidente americano furioso fa fare due salti in più al suo scontro con la stampa

Paola Peduzzi

Email:

peduzzi@ilfoglio.it

La guerra infinita fra Trump e i media. Con un effetto finale che ci riguarda tutti

Foto LaPresse

Milano. “È francamente disgustoso il modo in cui la stampa è in grado di scrivere qualsiasi cosa voglia”, ha detto mercoledì Donald Trump. Commentava un articolo di Nbc News in cui si diceva che, nel luglio scorso, il presidente avrebbe chiesto un’espansione “10 volte tanto” dell’arsenale nucleare americano. “Pura fiction”, aveva già scritto Trump su Twitter, ma durante l’incontro ha precisato il suo disgusto, “vedo una stampa tremendamente disonesta, non si tratta nemmeno di distorsione, presentano fonti che nemmeno esistono”. Più tardi, di nuovo su Twitter, Trump ha detto che i network sono diventati così “partigiani e distorti e falsi” che bisognerebbe “rivederne e, se appropriato, revocarne le licenze”. 

     

Questo non è che l’ultimo atto di una faida che esiste da quando Trump è diventato il candidato dei repubblicani alla Casa Bianca, lui che oggi rivendica – addirittura – di aver inventato il termine “fake news” (è un fake anche questo!, strillano indignati i commentatori e i linguisti) e che ha scandito la sua avventura politica con attacchi diretti, il dito puntato verso i giornalisti, attacchi personali, attacchi via Twitter, liste di media “fake”, siete spazzatura. Il riferimento alle licenze, alla volontà del presidente di voler intervenire concretamente contro una copertura che lo svilisce e lo fa infuriare, ha suscitato qualche preoccupazione in più: cosa vuole fare esattamente? C’è il Primo emendamento, diamine. Ma a preoccupare di più è la contingenza, il moltiplicarsi di articoli – “fake!” – che dipingono un presidente furibondo, fuori controllo, una pentola a pressione pronta a scoppiare, come scrive il Washington Post, uno che “odia tutti”, come scrive Vanity Fair, che recupera anche un riferimento al 25esimo emendamento, la possibilità che il presidente sia deposto dal suo stesso cabinet (quando Steve Bannon, ex consigliere, gli disse che più che l’impeachment a essere pericoloso è questo emendamento, e Trump gli chiese: “Cos’è?”).

  
Le conseguenze di questa faida e di questa ira non riguardano soltanto le licenze o il rapporto interrotto tra la Casa Bianca e buona parte dei media tradizionali americani. Un’ora e mezza prima che mercoledì Trump denunciasse il suo disgusto, il dipartimento di stato – guidato da quel Rex Tillerson che è una delle cause della furia trumpiana: gli avrebbe dato di “imbecille”, proprio alla fine di quel meeting “fake” sull’arsenale nucleare americano – aveva rilasciato un comunicato contro la Turchia che ha condannato al carcere una giornalista del Wall Street Journal per un reportage sui curdi. “La libertà d’espressione – dice il comunicato del dipartimento di stato – rafforza la democrazia e ha bisogno di essere protetta. Più voci, non meno, sono necessarie nei momenti più difficili”. L’America a questo è sempre servita, nel mondo: a ricordarci la forza della libertà. E un presidente furioso che mette mano alle licenze mette in discussione prima di tutto questa forza di “persuasione morale” che ha reso unico l’occidente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    13 Ottobre 2017 - 20:08

    Pare che il proprietario del Washington Post il signor Bezos e la sua Creatura Amazon stiano per essere investiti da un ciclone tipo quello che ha colpito l`esibizionista Weinstein. Una testa di primaria importanza e` gia` stata fatta saltare ad Amazon. Quando parlera` di questa cosa?

    Report

    Rispondi

  • adebenedetti

    13 Ottobre 2017 - 20:08

    Ricordandole che Pompeo era un senatore romano ma tanti secoli fa e non repubblicano a Washington le ricordo pure che NBcCnon ha voluto pubblicare alcuni mesi fa l`inchiesta documentata del figlio di Mia Farrow su Weinstein. Di contro NBC ha detto che Trump vuole decuplicare l`arsenale atomico. La fonte di questa rivelazione e` segreta. Lei ci crede e la riporta. Io penso che questa anonima rivelazione sia come il Pompeo senatore repubblicano

    Report

    Rispondi

Servizi