cerca

La grande paura del circo francese

Tra le vittime di una eventualità da sballo (Le Pen-Mélenchon) ci sarebbe una cosa alla quale certi tra noi tengono molto: il futuro del pensiero critico

21 Aprile 2017 alle 06:00

La grande paura del circo francese

Manifesti elettorali per le presidenziali francesi

In Francia e altrove un po’ di sana paura comincia a serpeggiare, dopo la fiction interessante delle elezioni all’americana, primarie & dibattiti & sondaggi. C’erano una volta due partiti, nella V Repubblica, i gaullisti e i socialisti (Giscard d’Estaing fu un’eccezione centrista, ma nata nel seno delle istituzioni volute dal Generale per fare incontrare un uomo e il suo popolo, nell’epoca del gaullismo opulento e pacificato di Georges Pompidou). Ora sono lì in quattro a contendersi, domenica prossima, l’accesso al...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    21 Aprile 2017 - 15:03

    Al direttore . Giuliano Ferrara è in pensiero per il "pensiero critico" . Binomio affascinante al punto di cadere nell'ossimoro. La storia del pensiero e del pensare umano suggerirebbe la variante "pensiero personale" . Non è assiomatico debba essere sempre "critico". In effetti è sempre "contro" e segue il tratturo degli interessi terreni. Però è bellissimo, stimolante, appagante, oltre che ineludibile, giocare con le parole. Viva l'uomo!

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    21 Aprile 2017 - 11:11

    Comunque vada, non può essere peggio degli ultimi due: Sarkozy e Hollande. "A qualcuno vengono gli incubi": sicuramente gli incubi sono venuti alle centinaia di migliaia di siriani e libici mandati al macello dai due ultimi presidenti. Quanto alle sorti del "pensiero critico e indipendente"...ce ne faremo una ragione (che è la cosa che più manca ai cultori del pensiero critico ecc.).

    Report

    Rispondi

Servizi