cerca

Perché quello americano è un cambiamento epocale

Trump e la società dell’inconscio che in America si ritrova cosciente. La vittoria del repubblicano non si può spiegare con i singoli episodi di una campagna elettorale.

10 Novembre 2016 alle 13:19

Perché quello americano è un cambiamento epocale

Donald Trump (foto LaPresse)

Al direttore - In democrazia può essere controproducente demonizzare o ridicolizzare i propri avversari. Su Trump e contro Trump, Obama e la Clinton avevano davvero esagerato. Alla fine questa loro aggressività si è rivelata controproducente. Tanto più che non pochi e non poco significativi erano stati gli insuccessi e gli errori politici del presidente e del proprio segretario di stato: dalla Turchia all’Iran, da Israele alla Libia. Son cose, evidentemente, che i giornaloni e la finanza possono facilmente dimenticare: non altrettanto gli elettori.
Luigi Compagna

 


 

Mi sembra un argomento riduttivo. Quello americano è un cambiamento epocale che non si può spiegare con i singoli episodi di una campagna elettorale. Mi convincono di più le argomentazioni che abbiamo riportato ieri sul Foglio di Shelby Steele, senior fellow alla Hoover Institution della Università di Stanford. “Nella vita americana la deferenza è stata codificata come politicamente corretto e il politicamente corretto funziona come un regime dispotico. E’ un’oppressione che espande i suoi editti sempre di più nelle radici della vita di tutti i giorni. Ne siamo afflitti, ma nella maggior parte dei casi tolleriamo le sue richieste. Trump è stato un candidato non deferente. E’ sembrato estraneo a ogni codice della decenza. Ha invocato ogni possibile stigmatizzazione e l’ha combattuta in maniera stridente. Ha fatto il lavoro sporco che milioni di americani volevano fare ma a cui mancava una piattaforma. Ma il carisma straordinario di Trump ha riguardato molto più ciò che rappresenta che ciò che potrebbe fare per davvero da presidente. Il suo ruolo è modificare la cultura della deferenza”. E’ come se ci fosse in America una società dell’inconscio, con Trump diventata improvvisamente cosciente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi