Maurizio Lupi sulla risoluzione dell'Unesco: "E' negazionismo"

Il presidente dei deputati di Area popolare ha dichiarato che sostenere che Muro del pianto e Collina del tempio non siano luoghi dell'identità ebraica "è assurdo, unilaterale e falso".

18 Ottobre 2016 alle 20:05

Maurizio Lupi sulla risoluzione dell'Unesco: "E' negazionismo"

Maurizio Lupi (foto laPresse)

"La risoluzione dell'Unesco su Gerusalemme est è gravissima”, ha dichiarato Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare. “Siamo al paradosso: un'agenzia internazionale delle Nazioni Unite nega la storia. Secondo l’organizzazione, il Muro del pianto non ha identità ebraica, né ce l'avrebbe la Collina del Tempio".

 

Lupi ha aggiunto: "Sinora il negazionismo era appannaggio di qualche sedicente storico, peraltro isolato dalla comunità accademica. È talmente assurdo, unilaterale e falso quanto l'Unesco pretende di decidere che ci si chiede a quale Educazione, Scienza e Cultura  – questo il suo altisonante titolo – facciano riferimento quei paesi che hanno votato questa risoluzione. Ritengo anche grave che l'Italia non si sia opposta e spero  - ha concluso lupi - che il presidente del Consiglio Matteo Renzi nei suoi colloqui con Barack Obama trovi il modo di riconfermare la totale adesione del nostro paese al rispetto della storia e della religione ebraica e dei suoi luoghi simbolo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi