cerca

L’accordo Ue-Turchia sui migranti fallisce nell’incendio di Lesbo

Rilocazione resa impossibile dai giudici (greci e europei) che si sono rifiutati di considerare la Turchia un “paese sicuro”. E centri d’accoglienza sulle isole greche trasformati in prigioni per l’ignavia dell'Ue a sei mesi dal deal.

21 Settembre 2016 alle 11:21

L’accordo Ue-Turchia sui migranti fallisce nell’incendio di Lesbo

I campo migranti di Moria, a Lesbo, devastato da un incendio (foto LaPresse)

Bruxelles. Nel momento in cui l’Italia annuncia l’intenzione di fare da sola su immigrazione e rifugiati, il caso della Grecia insegna che un piano tecnicamente perfetto redatto da un gruppo di burocrati e giuristi europei è condannato al fallimento. Lunedì sera, a sei mesi esatti dall’entrata in funzione dell’accordo tra Unione europea e Turchia, il centro di detenzione di Moria sull’isola di Lesbo è andato a fuoco, costringendo le autorità greche a evacuare 4.400 richiedenti asilo. L’origine dell’incendio è ancora da stabilire ma è probabile che, come già accaduto in passato in occasione di mini rivolte o scontri tra comunità etniche diverse, il fuoco sia stato appiccato da un gruppo di migranti. I due terzi del campo sono andati distrutti. “La situazione è sotto controllo”, ha detto una portavoce della Commissione, che continua a sostenere che l’accordo Ue-Turchia “funziona”.

 

Effettivamente finora Ankara ha mantenuto l’impegno di bloccare le partenze lungo le sue coste, nonostante i tentennamenti europei sulla liberalizzazione dei visti. Ma Moria è la dimostrazione di come le isole greche siano state trasformate in prigioni per migranti per l’ignavia di un’Ue incapace di scegliere tra accoglienza e respingimenti. I 4.400 migranti di Moria non possono essere trasferiti sulla terraferma in Grecia né rispediti in Turchia, a causa del sistema burocratico messo in piedi dall’Ue per evitare di violare il principio del non-respingimento. Secondo l’accordo Ue-Turchia, tutti i migranti irregolari arrivati dal 20 marzo in poi – a cominciare dai rifugiati siriani – dovevano essere riaccompagnati nei porti sulla costa turca. Le richieste di asilo dovevano essere analizzate rapidamente e dichiarate irricevibili sulla base del fatto che la Turchia è un “paese terzo sicuro” che fornisce protezione internazionale ai rifugiati. Ankara ha modificato la sua legislazione per i siriani.

 


 

 


 

Ma il meccanismo si è inceppato quando i funzionari e giudici (greci e europei) si sono rifiutati di considerare la Turchia un “paese sicuro”. In sei mesi, solo 502 migranti sono stati rispediti dalla Grecia in Turchia, ma nessun richiedente asilo siriano. Nel frattempo a Lesbo, Chios, Kos, Leros e Samos si sono accumulati 13.500 migranti contro una capacità di accoglienza di 7.500 persone. Sulla terraferma in Grecia ci sarebbero 17 mila posti liberi, secondo i dati dell’Unhcr. Ma Atene è obbligata a tenere i migranti sulle isole. “Per evitare movimenti secondari verso altri paesi europei”, ha spiegato la portavoce della Commissione. All’Italia è stato chiesto di fare la stessa nei suoi “hotspot” in cambio della “relocation”. La Commissione e diversi stati membri insistono affinché gli “hotspot” siano trasformati in centri chiusi o vengano create apposite strutture per evitare che i migranti possano fuggire verso il nord Europa. “Significherebbe trasformare l’Italia in una grande prigione per migranti”, spiega una fonte diplomatica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi