Inghilterra: gli anglicani scompaiono, gli islamici proliferano

La prossima settimana doveva essere pubblicato un libro sul crollo anglicano con un titolo emblematico: “That Was The Church That Was”. Ma improvvisamente l’editore, Bloomsbury, ha deciso di ritirarlo dal commercio

6 Febbraio 2016 alle 12:09

Inghilterra: gli anglicani scompaiono, gli islamici proliferano
Il declino della Chiesa d’Inghilterra è una delle tendenze più incredibili in Gran Bretagna. La prossima settimana doveva essere pubblicato un libro sul crollo anglicano con un titolo emblematico: “ That Was The Church That Was”. Ma improvvisamente l’editore, Bloomsbury, ha deciso di ritirarlo dal commercio, chiedendo indietro anche le copie per le recensioni.
 
Il libro, a quanto pare, era un po’ troppo incendiario. “2030: l’anno in cui l’Inghilterra ha smesso di essere una nazione cristiana”, ha titolato il Daily Mail. La Church of England sta morendo, perde fedeli, chiese, spazi pubblici, e nel giro di un decennio sarà consegnata nell’insignificanza. Nel 2020 i membri della chiesa inglese saranno appena 680mila, contro gli 800mila di oggi e i 5 milioni del 1979. Intanto, l’islam avanza nel Regno Unito: i musulmani sono appena diventati tre milioni. In alcune parti di Londra, metà della popolazione è già islamica. Lo chiamano multiculturalismo!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi