cerca

Perché non possiamo fidarci dell'Iran

Molte buone ragioni per non cadere nella trappola di Teheran. Sabato scorso Stati Uniti, Europa e Nazioni Unite hanno sollevato le sanzioni economiche imposte a partire dal 2006. Il presidente americano Barack Obama ha salutato gli eventi di sabato come un successo. Una raccolta di articoli del Foglio

18 Gennaio 2016 alle 15:07

Perché non possiamo fidarci dell'Iran

Il presidente iraniano Hassan Rohani domenica durante una seduta del Parlamento iraniano (foto LaPresse)

Sabato scorso Stati Uniti, Europa e Nazioni Unite hanno sollevato le sanzioni economiche imposte a partire dal 2006 contro l’Iran, segnando il completamento del deal nucleare firmato a luglio 2015 tra Teheran e il gruppo dei 5+1. La decisione arriva dopo che gli ispettori nucleari dell’Aiea hanno ritenuto che l’Iran abbia rispettato gli impegni presi di smantellare buona parte del suo programma nucleare, e sbloccherà circa 100 miliardi di dollari in asset iraniani, oltre a consentire il ritorno del paese nel consesso economico internazionale. Contestualmente è avvenuto anche uno scambio di prigionieri, con Teheran che ha rilasciato cinque americani, compreso il reporter del Washington Post Jason Rezaian, e Washington che ha rilasciato 7 iraniani condannati per crimini legati alle sanzioni.

 

Il presidente americano Barack Obama ha salutato gli eventi di sabato come un successo; il suo omologo iraniano Hassan Rohani ha detto che “tutti sono felici” per l’accordo “tranne i sionisti, i guerrafondai che cercano di fomentare una guerra settaria tra le nazioni islamiche e i falchi al Congresso americano”. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu, però, ha detto oggi che il deal nucleare non cambia il ruolo di Israele, che continuerà a vigilare affinché “l’Iran non ottenga l’arma atomica”. Ci sono buone ragioni per non abbassare la guardia sull’Iran, come fa Netanyahu: ecco alcuni articoli pubblicati dal Foglio nelle ultime settimane, che spiegano bene perché non è possibile fidarsi di Teheran.


La politica di Obama con l’Iran si scontra con la realtà, in diretta tv

 

 

Dodici ore di crisi per i militari americani “in custodia” dei pasdaran. Le scuse, le smentite e le provocazioni di Teheran

 


 

Le illusioni pericolose di Mogherini sull'Iran

 

L'Alto rappresentante per la politica estera dell'Ue prevedeva un futuro radioso per il medio oriente dopo il deal nucleare con l'Iran, ma è stata smentita subito dalla tragica escalation tra sunniti e sciiti

 

 


 

La faccia debole dell’America

 

Rivedere il deal con l’Iran, usarlo come leva. Manuale post Obama

 

 

 



Gli arresti all’ombra del deal

 

In Iran la repressione morde sempre di più. Poeti, giornalisti e anche businessmen sono nel mirino

 

 



La vendetta iraniana

 

Arresti, sgarbi, minacce. Ma non erano diventati buoni gli ayatollah?

 

 



Se questo è un deal

 

Missili, aperture di facciata e un americano condannato. Ecco cosa pensa l’Iran dell’accordo nucleare

 

 


 

"Su Israele puntati 150 mila missili"

 

Parla l’ex consigliere di Bibi, il generale Amidror, già capo del National Security Council. “I palestinesi fermi al 1948”. L’arsenale di Hezbollah a disposizione dell’Iran

 

 



La chiarezza morale di Bibi

 

All’Onu Netanyahu ricorda cosa difendiamo: la libertà e il progresso

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi