cerca

L’equilibrista dell’anno

Merkel convince i suoi sui rifugiati, ma non va alla radice del problema

15 Dicembre 2015 alle 06:09

L’equilibrista dell’anno

Angela Merkel (foto LaPresse)

La donna dell’anno è Angela Merkel  per Time, per il Financial Times, per molti europei con la memoria da pesci rossi che d’estate gridano al golpe merkeliano in Grecia e d’inverno la dipingono come l’unica missionaria del continente. Nella sua Germania, la cancelliera piaceva quando chiedeva ad Atene di fare i compiti invece che i capricci molto più che ora, con un milione di richiedenti asilo arrivati quest’anno da accogliere e integrare, mentre attorno l’Europa piano piano sgretola certezze, soprattutto sulle frontiere. All’apertura della conferenza del suo partito, la Cdu, Merkel è riuscita però a conquistare la standing ovation dei mille delegati riuniti a Karlsruhe dicendo che il numero dei rifugiati in arrivo sarà diminuito con un’azione “a livello tedesco, europeo e globale”.

 

La cancelliera ha ribadito il dovere “politico e morale” dell’accoglienza, ripetendo quel “ce la faremo” con cui aveva aperto la sua campagna di solidarietà nonostante le ritrosie dei suoi ministri e degli alleati cristiano-sociali della Csu. Così la cancelliera si è conquistata il titolo di equilibrista dell’anno, riuscendo a non voltare le spalle ai rifugiati e allo stesso tempo riconquistando l’applauso unito del partito. Ma come tutti i suoi colleghi europei, menefreghisti o solidali che siano, Merkel annuncia un approccio “globale” che tarda ad arrivare, pure se Obama ottimista cita con l’Italia anche la Germania tra i paesi che faranno di più contro lo Stato islamico (dipende sempre da dove si parte). Per fermare il flusso migratorio è necessario fermare la guerra in Siria, non c’è equilibrismo che possa rendere efficace un intervento, nemmeno l’equilibrismo dell’anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi