cerca

Una prima assoluta: la destra si è compattata, compresa l’ala islamista

Dopo la vittoria dell’Akp, abbiamo chiesto ad alcuni esperti se il ruolo stabilizzatore della Turchia è plausibile e che ne sarà del modello turco. Girotondo di opinioni

5 Novembre 2015 alle 13:00

Una prima assoluta: la destra si è compattata, compresa l’ala islamista

Se dobbiamo trovare un lato positivo, le elezioni si sono svolte in modo pacifico, anche nelle aree curde, e non abbiamo notizia di clamorose irregolarità. Non è un fatto incredibile, dato che sono le ventiseiesime elezioni dal 1946, ma è comunque un buon segno se teniamo conto della polarizzazione pre elettorale. E’ un enorme colpo per i sondaggisti, che prevedevano un risultato simile a quello delle elezioni di giugno. I nazionalisti turchi del Mhp e la parte più conservatrice del Hdp stanno andando (anzi tornando) all’Akp di Erdogan, mentre i liberali stanno abbandonando il Hdp. Queste tre tendenze che abbiamo visto alle urne sono dovute alla lotta contro il Pkk che ha fatto innervosire i nazionalisti e ha spaventato i liberali, inducendoli ad abbandonare il partito pro curdo. E, in cerca di sicurezza, anche i conservatori curdi che non hanno mai amato il Pkk stanno tornando verso Erdogan dopo l’inizio delle ostilità nel sud-est del paese. Il senso di instabilità della Turchia, sommato alla retorica di Erdogan dell’ “uomo forte che vi proteggerà”, ha funzionato, concedendo una vittoria sia a lui sia al Pkk, ma non è una buona notizia per l’occidente che deve dialogare con un leader che negli anni si è allontanato dal modello democratico turco e ora è ulteriormente rafforzato. Sulla questione curda, Erdogan continuerà l’offensiva militare per piegare il Pkk e portarlo al tavolo delle trattative in una posizione di debolezza. E’ anche molto significativo che gli islamisti del Saadet Party (Sp) siano implosi, e che l’Akp abbia risucchiato tutti i suoi voti: Erdogan è riuscito a consolidare la destra politica del paese, compresa quella esplicitamente islamista, una prima assoluta della politica turca.

 

Soner Cagaptay
direttore del Turkish Research
Program al Washington Institute
for Near East Policy

 

Torna al girotondo d'opinioni

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi