cerca

L’alleanza con i sauditi e la volontà di trasformare la regione

Dopo la vittoria dell’Akp, abbiamo chiesto ad alcuni esperti se il ruolo stabilizzatore della Turchia è plausibile e che ne sarà del modello turco. Girotondo di opinioni.

5 Novembre 2015 alle 12:58

L’Akp di Erdogan resta vincolato agli elementi chiave della sua politica estera. Il partito dice di essere dalla parte giusta della storia, spiega che le attuali difficoltà politiche sono temporanee e che la priorità della diplomazia umanitaria permetterà alla Turchia di continuare a esercitare fascino sulle masse arabe. Questa politica è entrata in conflitto con alcuni leader arabi strategici, in Egitto e altrove, ma l’Akp è riuscito a trovare terreno comune con l’Arabia saudita in Siria, dopo mesi di tensioni a causa del sostegno turco alla Fratellanza musulmana. L’Akp dice spesso di non essere un modello per la regione, piuttosto rivendica il fatto di fare da ispiratore per gli altri e sostiene che i suoi successi elettorali aiuteranno a trasformare la regione. Non ci saranno cambiamenti, la strategia erdoganiana adottata dopo le primavere arabe continuerà.

 

 

 

Aaron Stein è ricercatore da Instabul dell’Atlantic Council, autore di un saggio sulla politica estera turca “Turkey’s New Foreign Policy: Davutoglu, the Akp and the Pursuit of Regional Order”

 

Torna al girotondo d'opinioni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi