cerca

In pellegrinaggio da Putin

Arriva a Mosca anche Erdogan per trovare un compromesso in Siria

24 Settembre 2015 alle 06:09

In pellegrinaggio da Putin

Recep Tayyip Erdogan con Vladimir Putin (foto LaPresse)

Ieri è stata inaugurata a Mosca una grande moschea – nasce sopra a un’altra che era stata distrutta nel 2011, è più grande, può contenere diecimila fedeli –  e per l’occasione si sono presentati al cospetto di Vladimir Putin il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, e il rais palestinese Abu Mazen. Il pellegrinaggio alla corte dello zar è frenetico, tutti vogliono capire che cosa ha in mente di fare la Russia con tutte quelle armi in Siria: americani e israeliani hanno già avuto colloqui, ora tocca soprattutto a Erdogan, che da sempre vuole avere un ruolo nella gestione della crisi siriana, ma che in anni di tentennamento collettivo si è ritrovato a essere sempre sulla linea del fronte ma incapace di mettere a punto un piano preciso.

 

Il presidente turco chiede fin dal 2012 la caduta del regime di Bashar el Assad a Damasco, ma il suo piano di regime change è sempre stato infarcito di tale e tanta ambiguità che non si è mai riuscito a creare un’alleanza coesa. Ora che bombarda le postazioni dello Stato islamico, Erdogan chiede di avere più voce nella coalizione, ma i continui attacchi ai curdi del Pkk contribuiscono, ancora una volta, a indebolirlo (ieri due ministri del governo turco, membri del partito pro curdo Hdp, si sono dimessi). Putin, come si sa, è andato in Siria principalmente per difendere il regime di Assad, e in subordine per combattere lo stato Islamico, ed è difficile immaginare che nei colloqui moscoviti il presidente turco possa avere ampi margini di manovra. Già l’incontro tra i ministri degli Esteri è stato fallimentare: la distanza pare inconciliabile, ma se un compromesso ci sarà, sarà da parte dei turchi. Tra armi e potenza politica, Putin può continuare a farla da padrone, in Siria. E a occupare ancora una volta gli spazi sguarniti che gli concede l’occidente, anche, se vogliamo, nella lotta contro lo stato Islamico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi