cerca

Chi sono gli sloveni hard-rock che canteranno per Kim Jong-un

Il dittatore nordcoreano ha invitato a esibirsi a Pyongyang una band famosa per le sue performance estreme, il cui motto è: "Noi siamo fascisti nella stessa misura in cui Adolf Hitler era un pittore".

28 Luglio 2015 alle 19:50

Chi sono gli sloveni hard-rock che canteranno per Kim Jong-un

I Laibach

Inizialmente, non appena è uscita la notizia, in pochi ci hanno creduto. Perché una rock band straniera che si esibisce alla corte di Kim Jong-un è già una notizia di per sé – anche se non così rivoluzionaria: il giovane leader nordcoreano ci ha abituati a un certo tipo di selezione della cultura internazionale, come quando fece arrivare a Pyongyang la squadra di basket americana capitanata da Dennis Rodman. A far notizia, in questo caso, è piuttosto il profilo della band: sono gli sloveni Laibach che si esibiranno – primo complesso occidentale a farlo – per ben due serate, il 18 e 19 agosto, nell'ambito delle celebrazioni per la fine della Seconda guerra mondiale e l'armistizio con la Corea del sud.

 

Il gruppo, fondato nel 1981 a Trbovlje, cittadina industriale a pochi chilometri da Ljubljana, è considerato uno dei pionieri dell'industrial e fin da subito ha generato molte polemiche a causa di una estetica basata su un'iconografia pseudo-fascista invisa alle autorità socialiste jugoslave dell'epoca (lo stesso nome, Laibach, era quello imposto alla capitale slovena durante l'occupazione nazista) e tuttavia funzionale a realizzare uno dei primi imperativi della band, ovvero "mettere in luce il legame esistente tra arte e potere".

 

Fedeli a questo imperativo, per i membri dei Laibach non è mai stato un problema prestarsi a performance piuttosto estreme, come nel caso del comizio politico organizzato durante un concerto a Belgrado nel 1989 che ricalcava la retorica del leader nazionalista Slobodan Milošević, e che invitava i "fratelli serbi" a immolarsi nel nome della propria sacra terra. Né, tantomeno, ha rappresentato un tabù il fatto di stravolgere classici pop come “One vision” dei Queen o “Life is life” degli Opus per trasformarli in oscuri inni di regime.

 

Lo scopo dell'attività del gruppo è infatti, come dice il biografo Alexei Monroe, "far capire che quello del totalitarismo non è stato un fenomeno storicamente limitato agli anni tra il 1939 e il 1989 e ora concluso una volta per tutte". Anche se questo si è spesso tradotto in una questione di estetica, e non di critica ai regimi autoritari esistenti, e nonostante ciò renda estremamente difficile per un osservatore neutrale tracciare i confini tra la parodia e la serietà dell'intento: "noi siamo fascisti nella stessa misura in cui Adolf Hitler era un pittore", è una delle più iconiche (e sibilline) dichiarazioni della band.

 

Invitati da Pyongyang a esibirsi per due serate di fronte a un pubblico piuttosto ristretto (circa 1.000 persone) nel conservatorio Kim Won Gyun della capitale, i membri della band hanno assicurato che adatteranno il repertorio alle esigenze del pubblico nordcoreano, alternando ai propri successi anche canzoni tradizionali locali e addirittura brani tratti dalla commedia musicale “The Sound of Music” (“Tutti insieme appassionatamente”).

 

[**Video_box_2**]L'evento è stato pensato nell'ambito di uno scambio culturale organizzato dal Consiglio per le arti norvegese e dal regista Morten Traavik, che a Pyongyang ha anche fondato un'accademia artistica. "L'obiettivo principale è la comprensione reciproca dei nostri due mondi", ha detto Traavik presentando l'iniziativa e sottolineando, in risposta alle critiche, che "il compito di un artista non è pronunciare delle verità universali, ma piuttosto mostrare delle realtà alternative".

 

Alcuni attivisti, tra cui il direttore del Comitato per i diritti umani in Corea del nord Greg Scarlatoiu, hanno accolto favorevolmente l'idea di organizzare il concerto, anche se il suo impatto reale nella società coreana potrebbe risultare limitato a causa della dimensione ristretta dell'evento: "se i giovani nordcoreani – anche soltanto quelli appartenenti all'élite – potranno assistere allo spettacolo, esso avrà sicuramente degli effetti benefici", ha detto Scarlatoiu al Guardian. "In caso contrario, si tratterà soltanto di ipocrisia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi