cerca

Come i governi sudamericani provano a sfruttare la visita di Papa Francesco

Correa e Moralez provano a dare la massima esposizione possibile alle loro campagne di governo: l'Ecuador punta sul suo modello economico, la Bolivia sulla legalizzazione della coca. E grazie al Pontefice è stata rimessa in piedi la macchina della giustizia.

6 Luglio 2015 alle 17:36

Come i governi sudamericani provano a sfruttare la visita di Papa Francesco

Papa Francesco con il presidente dell'Ecuador Rafael Correa (foto LaPresse)

I primi effetti della visitia di Papa Francesco in sudamerica si possono scorgere nel carcere di Palmasola, la prigione boliviana, vicino alla città di Santa Cruz, famosa per il sovraffollamento di detenuti in attesa di giudizio: 5000 persone sono rinchiuse lì dentro in condizioni pessime dove molto spesso le proteste sfociano in rivolte: nell’agosto del 2013 ci fu una vera battaglia tra reclusi che provocò 35 morti, incluso un bambino di 18 mesi. A Palmasola si entra e non si sa quando si esce, soprattutto a causa della lentezza della giustizia, di sentenze che non arrivano. Da quando però il carcere è stato inserito nell’itinerario della visita pontificia i processi sono iniziati, le sentenze emesse Evo Morales ha inviato personale extra per accelerare le procedure e 583 processi sono stati iniziati e terminati, dei quali 250 in una sola settimana: “Se non è un miracolo questo”, hanno commentato in Bolivia.

 

Anche in Ecuador, dove Francesco è arrivato ieri, il presidente Rafael Correa ha celebrato la visita con un “miracolo” giudiziario: indulto per 24 detenuti, uno per ogni penitenziario del Paese. In Paraguay, terza e ultima tappa della visita pastorale del Pontefice al suo Continente di origine, il “miracolo” è riguarda non la giustizia, ma le opere pubbliche: dopo anni di ritardi e lavori sospesi, è stata terminata, con sei mesi di anticipo rispetto all’ultima data di consegna, la Ruta 9, l’importante arteria di collegamento con l’Argentina che servirà dunque a favorire il gran flusso di compatrioti che vogliono cogliere l’occasione per rivedere l’ex-Arcivescovo di Buenos Aires da vicino. E’ da anni che il Paraguay è affezionato alla figura di Francesco: il motivo va ricercato nel periodo di permanenza a Buenos Aires, quando volle imparare il guaranì per poter meglio seguire gli emigranti paraguayani.

 

Se il Paraguay guarda al passato del Pontefice, al suo rapporto con gli emigrati e i poveri, Ecuador e Bolivia accolgono Francesco come simbolo di cambiamento, come il “Pontefice Peronista”, così almeno viene definito da molti commentatori nei due paesi, in uno strano avvicinamento tra il populismo radicale del “socialismo del XXI secolo” e la religione. Sia Rafael Correa sia Evo Morales si proclamano cattolici, entrambi dicono di aprezzare la svolta sociale e ecologista di Francesco,  e il presidente ecuadoriano inoltre si è anche esposto in senso ortodosso, bloccando sia l’aborto che i matrimoni gay. Morales è invece un po’ più disinvolto, fa sacrifici alla divinità pre-cattolica della Pachamama ed ha introdotto l’insegnamento della teologia andina nelle scuola assieme a cattolicesimo e protestantesimo.

 

La visita di Papa Francesco è una grande occasione pubblicitaria per i governi: e così mentre Correa promuove il suo modello economico, Morales prova a sponsorizzare la sua battaglia per la coca libera. Già il 3 giugno, i tre ambasciatori boliviani che avevano presentato il viaggio a Roma aveva preannunciato che per aiutare il Papa a affrontare i 4808 metri dell’Aereoporto di El Alto gli avrebbero dato un tè di foglie di coca; poi dal tè si è passati a una torta, e adesso si dice che Francesco masticherà direttamente le foglie. Le organizzazioni dei cocaleros distribuiranno inoltre 20.000 borse di coca lungo il percorso del Pontefice: iniziative che dal punto di vista europeo possono apparire curiose, soprattutto per il fatto che nel contempo per tre giorni sarà vietata la vendita di alcool, “per evitare problemi di ordine pubblico”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi