L’outsider di Helsinki

Nel “laboratorio” finlandese vince un imprenditore, crolla la sinistra

21 Aprile 2015 alle 06:26

L’outsider di Helsinki

Juha Sipilä

Juha Sipilä è un imprenditore finlandese attivo nel settore delle telecomunicazioni, ha un background conservatore e religioso, e da domenica è il nuovo premier della Finlandia. E’ Sipilä, vincitore delle elezioni con il suo Partito di centro e il 21 per cento dei consensi, la ragione principale per cui tenere d’occhio il risultato elettorale finlandese. Cinquantenne, relativamente nuovo alla politica, Sipilä ha convinto i finlandesi che serve un imprenditore di successo per risollevare l’economia stagnante di Helsinki. Sipilä ha battuto i conservatori al governo, che hanno preso il 18 per cento, ma ha bisogno di una coalizione per governare, e l’alleato più probabile è il Partito dei finlandesi, populista e anti immigrazione. Il modo in cui Sipilä tratterà con i populisti, che hanno perso voti rispetto alle scorse elezioni, dal 19 per cento al 17,6, potrebbe far scuola nell’intera regione. Il nuovo governo sarà un falco in Europa, e Sipilä, al contrario del suo predecessore, ha rinnovato con freddezza la sua fedeltà alla Nato e la volontà di mantenere le sanzioni all’ingombrante vicino russo. Ma l’altra ragione per guardare alla Finlandia è che alle elezioni si è consumato l’ennesimo crollo di una socialdemocrazia scandinava.

 

Il Partito socialdemocratico è quarto, si condanna all’irrilevanza e mostra che la sinistra non ha più risposte davanti a un modello economico e sociale che barcolla anche sotto il peso della demografia. L’Economist ha definito la Finlandia un “laboratorio”, perché qui il “crunch demografico” che arriverà da noi nei prossimi decenni è già avvenuto, la forza lavoro è vecchia, pensioni e Sanità hanno un peso insostenibile. Il modo in cui reagirà l’imprenditore Sipilä potrebbe essere di esempio per tutto il continente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi