Francesco Caio (Foto Ansa)

il cambio al vertice

Saipem: game over per Caio

Gli azionisti di Saipem pronti a cambiare la guida dopo le performance molto negative. In pole c’è Alessandro Puliti (ex Eni)

Ore contate per Francesco Caio, amministratore delegato di Saipem. Entro la fine di agosto, il governo Draghi, in carica per gli affari correnti, potrebbe trovare un accordo con Caio per agevolare la sua uscita dalla società azionaria italiana di perforazioni e montaggi. Pesano, sulla testa di Caio, le performance molto negative della sua Saipem. A inizio 2022, un’azione di Saipem, controllata da Eni e Cdp, valeva 5,12 euro. Oggi un’azione di Saipem vale 0,83 euro. Un crollo verticale, che ha costretto Saipem a un nuovo importante aumento di capitale sottoscritto l’11 luglio del 2022, che ha portato ad avere circa il 70 per cento delle nuove azioni sottoscritte, per un ammontare complessivo pari a 1,39 miliardi. Non è bastato a ridare ossigeno al titolo e la decisione degli azionisti, salvo sorprese, è presa. Fuori Caio. Il suo sostituto naturale è Alessandro Puliti, attuale direttore generale, transitato a Saipem da Eni.

Di più su questi argomenti: