cerca

Due o tre ragioni per diffidare dell’idea del bond patriottico

Se il governo è capace di conquistare la fiducia degli italiani non si capisce perché non possa conquistare quella degli stranieri

28 Aprile 2020 alle 06:00

Due o tre ragioni per diffidare dell’idea del bond patriottico

(foto LaPresse)

Nel Def approvato dal governo, il debito pubblico in rapporto al Pil è previsto salire al 155,7 per cento, circa 20 punti in più dell’attuale livello. Questo incremento è il risultato di un maggiore numeratore (più spese e meno entrate) e di un minore denominatore ascrivibile a un crollo del prodotto interno lordo stimato all’8 per cento. In questa fase di emergenza è normale spendere. Fare debito è non solo possibile (le regole fiscali europee sono state sospese) ma è...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Veronica De Romanis

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • joepelikan

    28 Aprile 2020 - 09:41

    Perché ogni euro di debito in mani straniere è uno strattone al cappio al collo. Gli stranieri fanno esclusivamente il loro interesse privato, noi amiamo il nostro Paese. Se ci fosse un'emissione di "bond patriottici" sarei il primo a sottoscriverli. Avrei maggior rischio? Magari sì, ma è un rischio che mi assumo volentieri. Come ha dimostrato nel '92 il Gran Porco che oggi fa il santo, se un investitore straniero di deve portare la gente alla fame lo fa senza alcuna remora (e il Gran Porco continua a sostenere di aver fatto bene).

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    28 Aprile 2020 - 09:04

    Ci fanno o ci sono? Gli italiani saranno pure creduloni ma non credo tanto fessi da farsi imbonire con lo slogan del patriottismo sventolato da giovani arrampicatori della politica gridata e mediatica. Far credere di essere in guerra con l'Europa, nostra acerrima nemica, e propendere per visioni autoritarie tipiche della Russia o della Cina , per dimostrare all'Europa di avere i coglioni , è fuori da ogni logica di buon senso e men che mai dal richiamo della patria sovrana. Far credere che che la gestione della cosa pubblica diventi più credibile se i titoli emessi dallo stato saranno acquistati dai soli italiani garantendogli nel lungo termine rendimenti adeguati e più remunerativi di quelli esteri , la ritengo una battuta da cabaret ,vista la nostra natura estrosa e fantasiosa in campo politico.Cerchiamo di essere seri e ragioniamo con la testa e non con i piedi.

    Report

    Rispondi

Servizi