cerca

Agenda per la crescita

Senza cambiare le caratteristiche della sua struttura produttiva l’Italia rischia di diventare la periferia dell’Europa

7 Gennaio 2020 alle 06:00

Agenda per la crescita

LaPresse

Quali priorità dovrebbero guidare la politica economica nel nuovo decennio? Nota bene: nel nuovo decennio, non nel nuovo anno. Perché certamente la priorità è arrestare il declino economico dell’Italia e rilanciare la crescita. Ma è illusorio pensare di invertire in tempi brevi un fenomeno che dura appunto da decenni. Quindi la prima risposta è allungare l’orizzonte temporale, ed essere guidati da una strategia che possa dare risultati nell’arco di un decennio. Ma quale strategia e quali priorità?     Per...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Guido Tabellini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • phiu!

    07 Gennaio 2020 - 07:56

    Bell’articolo. Solo un commento riguardo al passaggio “politiche fiscali e della famiglia che aumentino l’occupazione femminile e arrestino la fuga dei giovani verso l’estero.” - Si fugge all’estero per via delle condizioni umilianti del lavoratore medio italiano: stipendi bassi rispetto al costo della vita, amicizia e “par condicio” che contano più del merito per fare carriera, stile di leadership più da capetti che da veri leader, burocrazia impossibile per chi ha velleità imprenditoriali, accettazione da parte dello Stato della disonestà. Le chiavi per la ripresa sono le politiche per il lavoro, la semplificazione amministrativa, più giustizia e - soprattutto - scuola e la cultura. Tasse e famiglia sono dei “nice to have” in questo contesto, benché siano dei “must” riguardo ad altri temi come qualità dei servizi e sostenibilità del sistema pensionistico. Saluti

    Report

    Rispondi

  • AlessandroT

    07 Gennaio 2020 - 06:55

    Ma stiamo scherzando? "Un governo che mostri di saper affrontare i nodi atavici della nostra economia, con una strategia coerente e una visione lungimirante, sarebbe premiato dall’opinione pubblica"? Ma lei dove vive? La triste verità è che un governo siffatto avrebbe il supporto suo, mio, e di pochi altri. Oggi l'opinione pubblica premia solo superficialità e razzismo.

    Report

    Rispondi

Servizi