cerca

Il governo svolterà solo quando metterà da parte quota 100 e Rdc

Una vera manovra espansiva non può rinunciare a eliminare i cavalli di battaglia ereditati dal precedente esecutivo

16 Ottobre 2019 alle 06:00

Il governo svolterà solo quando metterà da parte quota 100 e Rdc

(Foto LaPresse)

Gira e rigira, c’è il rischio di finire, anche quest’anno, con una legge di bilancio formato “spezzatino”, con vincoli che “mordono”, risorse che mancano, spese che non si riescono a ridurre e nessuna scelta che vada davvero nel senso della crescita, ciò che per un paese in declino strutturale da un paio di decenni dovrebbe essere il primo obiettivo della politica economica. Crescita vuol dire aumento del reddito (pro capite) e solo con l’aumento del reddito possiamo sperare di ridurre...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    16 Ottobre 2019 - 12:12

    Per una manovra economica che vuole rilanciare l'economia bisogna procedere alla revisione della spesa pubblica e cancellare gli enti inutili e ridimensionare le tante poltrone che sovrintendono alla burocrazia italiana.IN questo modo si recuperano miliardi da destinare all'aumento dei redditi.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    16 Ottobre 2019 - 07:07

    La questione socio-economica del nostro paese è pervasa dalla atavica cultura tutta italiana del volemose bene . Che ,se considerata seriamente, ha generato un benessere generalizzato nel paese dal dopoguerra ad oggi , a discapito ovviamente di un grande debito pubblico. Chi ha un po' di buonsenso capisce che il debito si produce quando si spende di più di quanto entra nelle proprie casse , e questo circolo vizioso prima o poi finirà con la bancarotta. Una nazione è fatta da milioni di individui accumunati da interessi condivisi per mantenere convivenza civile e benessere generalizzato. E non capire che la rottura di questa fiducia reciproca porti irrimediabilmente allo sfacelo della società è indice di una miope cultura che giova solo a pochi sfruttatori dei tanti bisogni di molti. I politici interpreti di questa società si arrovellano per raddrizzare questo stato di cose,ma quello che fa la differenza sono i reali comportamenti di tutti i cittadini. Pertanto partiamo da essi

    Report

    Rispondi

    • beterviosi

      16 Ottobre 2019 - 10:10

      Un buon riassunto. Ma io aggiungerei che quella convivenza civile è messa a dura prova proprio dagli slogan che certi politici agitano, mantenendo il paese diviso per i propri interessi elettorali. Quanto a Quota 100 e RdC, beh, sono misure degne di un film horror.

      Report

      Rispondi

Servizi