cerca

Il debito, la chiave sbagliata per non scontentare nessuno

Per tornare a far crescere il paese, la politica dovrebbe avere il coraggio di scelte anche impopolari. A partire dal fisco

14 Ottobre 2019 alle 10:42

Il debito, la chiave sbagliata per non scontentare nessuno

foto LaPresse

Quando in Italia si dice che la politica ha ormai perso il proprio raggio d’azione si pensa solitamente al dualismo con l’economia. I politici non possono più incidere sulla realtà perché il loro potere discrezionale è limitato dalle regole dell’economia e della finanza, si pensa. Invece in Italia la politica sembra aver deciso da qualche anno di auto-imporsi forti limitazioni per volontà propria. Si parla di tasse e di soldi in tasca ai contribuenti. La narrazione più che ventennale inaugurata...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lorenzo Borga

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    14 Ottobre 2019 - 17:33

    Al direttore - La verità che nessuno vuole. “Per tornare a far crescere il paese, la politica dovrebbe avere il coraggio di scelte anche impopolari. A partire dal fisco.” Forse sfugge a Lorenzo Borga che la ricerca del consenso delle masse, i voti sono lì, impedisce, ogni provvedimento impopolare. La cosiddetta Legge Fornero, non era macelleria sociale, era una razionale impostazione per la sostenibilità nel tempo dell’intero sistema previdenziale. L’avversione, la promessa di abolirla, ha spostato milioni di voti verso i 5S e la Lega. Notare: la legge Fornero fu decisa da un governo “tecnico”, non politico. Nella democratica, si fa per dire, situazione attuale, nessuna forza politica può permettersi il coraggio di essere “impopolare”.

    Report

    Rispondi

Servizi