cerca

Motivi per non inseguire la repressione del contante. Parla Boccadutri

L'ex deputato, esperto di sistemi di pagamento, ci spiega perché applicare nuove commissioni può agevolare chi ha una propensione al consumo più alta. E innescare una migrazione di conti corrente all'estero

14 Settembre 2019 alle 06:00

Motivi per non inseguire la repressione del contante. Parla Boccadutri

Foto Unsplash

Roma. Per il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, “uno dei pilastri” dell’azione di governo è “quello di combattere l’evasione per ridurre le tasse su famiglie e imprese”. “Per farlo – ha detto nella sua prima intervista a Repubblica – intendiamo avvalerci dell’innovazione tecnologica e della digitalizzazione”. Quale sia la modalità per riuscirci preferita dal governo Pd-M5s è in discussione. Intanto la Confindustria con il suo centro studi ha pubblicato un contributo nel quale suggerisce di disincentivare l’uso del contante con una commissione del 2 per cento per chi preleva più di 1.500 euro al mese e di incentivare l’uso dei pagamenti elettronici con un credito di imposta per chi invece li usa. Sergio Boccadutri, ex parlamentare nonché esperto in sistemi di pagamento, non prende alla leggera l’ipotesi che parrebbe una panacea sia per diffondere l’uso delle transazioni digitali sia per recuperare il sommerso ricavandone gettito. “Utilizzare la leva fiscale è un approccio sbagliato di uno stato che per regolare decide di tassare. E’ poi di dubbia utilità per due motivi – aggiunge Boccadutri – Da un lato, il credito di imposta sugli strumenti di pagamento sarebbe regressivo: significherebbe dare un vantaggio fiscale a chi ha una propensione al consumo più alta e può spendere di più, il ticket medio di una spesa con carta è di circa 70 euro, il doppio rispetto alla media europea. Per i più abbienti il credito di imposta non sarebbe quindi un incentivo (userebbero comunque i pagamenti elettronici come fanno già), ma un vantaggio rispetto a chi ha minore capacità di spesa e usa il contante. Dall’altro lato, ‘tassare’ il contante sarebbe un modo per tassare due volte del denaro che è già oggetto di imposta, in quanto derivante da un profitto già sottoposto a tassazione e quindi del tutto trasparente rispetto all’autorità fiscale: difficilmente una persona che ha contanti guadagnati a nero si presenta in banca e fa un versamento”.

 

Altro effetto perverso sarebbe la tesaurizzazione al di fuori dei circuiti bancari. “Farlo per prelievi sopra i 1.500 euro comporta che chi si fa pagare in modo legittimo potrebbe decidere di non versare quel denaro in banca ma depositarlo in una cassetta di sicurezza perché sa che al prelievo dovrà eventualmente pagare una ‘tassa’ del 2 per cento”. Al di là di considerazioni teoriche, secondo Boccadutri è preoccupante che simili proposte non tengano conto del contesto europeo dove il sistema bancario è interconnesso e avanzato. “Se ho una carta collegata con un conto bancario all’estero, in Francia o Germania – dice – il legislatore italiano non può imporre il calcolo del credito di imposta per il 2 per cento su un pagamento elettronico a quell’istituto straniero”. L’esempio più calzante per spiegare perché il meccanismo è fallace sono le detrazioni per le ristrutturazioni edilizie, che sono possibili solamente se la transazione avviene con bonifico da una banca italiana, non estera. Questo perché non si può obbligare un istituto straniero a operare quale sostituto di imposta per il fisco italiano. “Quando si parla di prelievi di contanti, allo stesso modo l’operazione è impossibile: se prelevo con una carta basata su un conto tedesco, di cui sono cliente, da uno sportello italiano non è possibile imporre a quell’istituto straniero di trattenere il 2 per cento da un ammontare di 1.500 euro mensili”. Il rischio di una  migrazione di conti correnti dall’Italia all’estero per sfuggire alla repressione non è secondario. Secondo Boccadutri, per spingere i pagamenti elettronici si dovrebbe avere un approccio pragmatico “a cominciare dall’applicare sanzioni agli esercenti che, con la scusa delle commissioni troppo alte, quando non è vero perché sono nella media europea o inferiori, si rifiutano di usare i dispositivi Pos in modo che i consumatori siano messi nella condizione di decidere come pagare”.

Alberto Brambilla

Alberto Brambilla

Nato a Milano il 27 settembre 1985, ha iniziato a scrivere vent'anni dopo durante gli studi di Scienze politiche. Smettere è impensabile. Una parentesi di libri, arte e politica locale con i primi post online. Poi, la passione per l'economia e gli intrecci - non sempre scontati - con la società, al limite della "freak economy". Prima di diventare praticante al Foglio nell'autunno 2012, dopo una collaborazione durata due anni, ha lavorato con Class Cnbc, Il Riformista, l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) e il settimanale d'inchiesta L'Espresso. Ha vinto il premio giornalistico State Street Institutional Press Awards 2013 come giornalista dell'anno nella categoria "giovani talenti" con un'inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Carlorivass

    15 Settembre 2019 - 01:07

    Sono molto dispiaciuto di cosa succede in Italia , in Europa e nel mondo , siamo schiavi di un sistema economico, mal organizzato che puntualmente crea con ciclicità delle crisi più o meno importanti. Ricordatevi gente della grande truffa negli USA tra il 2000 e il 2008 , cessata con il tracollo delle azioni sul mercato immobiliare, tutto il mondo si inginocchiò , per poi rialzarsi superando la questione , stampando soldi... Che alla fine cosa sono i soldi?? Sono un pezzo di carta che barattiamo per altre cose. Ma se tutti ci mettessimo d' accordo che invece di spendere gli euro, spendiamo crypto che non sono in mano a quelle brutte banche, così da far cadere questo sistema , banche e politica insieme. Gente serve la vostra forza. Scrivetemi se volete maggiori informazioni Telegram @carlorivass FB Carlo Rivas Instagram @carlorivass Carlo

    Report

    Rispondi

  • valentinab

    14 Settembre 2019 - 09:41

    Vorrei che qualcuno portasse un esempio della necessità di prelevare contanti per più di 1500 euro al mese. Io non ne vedo. Quando vado all estero pago anche il caffè con la carta e tutti sono tranquilli. In Norvegia ho visto negozi e hotel con la scritta "cash free" e noi siamo ancora al supermercato a pagare 182,45 euro in contanti? Se non è per usare il nero a cosa serve.? Per poi correre al bancomat a riprendere i contanti? Certo le commissioni per gli esercenti dovrebbero essere ridotte al minimo.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    14 Settembre 2019 - 09:27

    ...“difficilmente una persona che ha contanti guadagnati a nero si presenta in banca e fa un versamento”. Il punto vero è questo, data la diffusione soprattutto orizzontale del nero. Dato che nessuno sembra conoscerli ma tutti li coccolano (poverini), le ultime proposte sul contante sembrano solo l’ennesima mossa propagandistica pensata per salvaguardare il nero fingendo di combatterlo - è vivo, lotta insieme a noi, e vota col portafogli - e contestualmente aggiungere un’ulteriore immancabile tosatura dei contribuenti.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    14 Settembre 2019 - 08:51

    Bisogna insistere su tutti quegli strumenti che obbligano il cittadino ai pagamenti elettronici. Osteggiarli ,accampando scuse di ogni genere pur di evitare la registrazione delle transazioni, di qualunque entità, non permetterà mai all'Italia di diventare un paese civile che paga le tasse.

    Report

    Rispondi

    • Carlorivass

      15 Settembre 2019 - 01:17

      Spiega come un 25 enne , che paga affitto e bollette , bollo auto , assicurazione eccetera, possa pagare le tasse su una partita IVA che gli è stata fatta aprire , perché se no non lo facevano lavorare... Svegliatevi dai vostri sogni , i cattivi , non sono né gli immigrati , né chi non paga le tasse . I CATTIVI , sono le banche, le multinazionali , la politica. Io purtroppo sono molto triste per colpa di tante persone . Divento triste pensando che 8 miliardi di persone si fanno sottomettere dagli 8 milioni che posseggono il 99% del denaro. Il denaro, carta disegnata di cui accettiamo il valore. Lei dovrebbe essere solidale con il suo popolo , e non con il male... Le auguro con tutto il cuore , che lei possa comprendere lo stesso che ho compreso io . Siamo ancora schiavi, ancora , nonostante sia il 2019 . Cordiali saluti Carlo Rivas

      Report

      Rispondi

Servizi