cerca

La seconda morte di Marchionne

Fiat e Ferrari, la politica come opportunità globale, il rapporto con il sindacato e l’impresa. Marco Ferrante ha aggiornato la sua biografia del grande manager. Che tuttavia per l’Italia è stato un’occasione mancata

1 Ottobre 2018 alle 11:20

La seconda morte di Marchionne

Foto LaPresse

“Marchionne. L’uomo dell’impossibile”: il titolo esprime in modo chiaro ed evidente il filo conduttore del libro di Marco Ferrante appena uscito per Mondadori che aggiorna ed estende la biografia pubblicata nel 2009. Nelle sue “prime conclusioni” l’autore pone due domande: “Che cosa resterà di lui nel fantastiliardico mondo dell’automobile” e che cosa resterà di lui in Italia. Il primo quesito ci porta a Carlos Ghosn, il quale partendo dalla Renault ha creato con Nissan e Mitsubishi uno dei primi gruppi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Stefano Cingolani

Nato nel bel mezzo del secolo scorso a Recanati, è tornato alla luce in seguito a recenti scavi. Dopo tanto girovagare per giornali (L’Unità, Il Mondo, Corriere della sera, Il Riformista) e città (Milano, New York, Parigi), in cerca di stimoli e affetti, ha trovato al Foglio il rifugio agognato. Ha scritto “Le grandi famiglie del capitalismo italiano” e “Guerre di mercato”. Sopraffatto dalla colpa per non essere riuscito ad assicurare un futuro certo alla figlia maggiore e per non fare i compiti con quella minore, passa il tempo tra l’impero romano-cristiano e la terza globalizzazione (prima o poi riuscirà a spiegare entrambi?). Va al mare sul Baltico, ma vorrebbe essere sul Patna con Lord Jim o a Long Island con Jay Gatsby.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Santiago

    24 Ottobre 2018 - 16:04

    Grande Marchionne !

    Report

    Rispondi

Servizi