cerca

L'export italiano festeggia un anno di Ceta

Il ministro Centinaio conferma di voler ridiscutere l'accordo commerciale. Gli agricoltori: "Gli allarmismi lanciati nei mesi scorsi sono ingiustificati e azzardati"

20 Settembre 2018 alle 19:26

L'export italiano festeggia un anno di Ceta

Foto LaPresse

Alla vigilia del primo anniversario dell'entrata in vigore dell'accordo di libero scambio tra Unione europea e Canada, la Commissione europea ha pubblicato i dati provvisori sulle esportazioni. Le stime per l'Italia sono buone e certificano un aumento del 7,4 per cento nel settore agricolo. Sulla base delle ultime statistiche disponibili relative al periodo ottobre 2017 - giugno 2018, l'Italia ha esportato in Canada il 29 per cento in più di frutta e frutta secca, il 34 per cento in più di cioccolato e l’11 per cento in più di vini frizzanti. I numeri "indicano con assoluta chiarezza che per il primario nazionale i risultati sono positivi e che gli allarmismi lanciati nei mesi scorsi sono ingiustificati e azzardati", commenta con una nota il coordinamento di Agrinsieme, che riunisce Cia-Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari.

  

Il contratto di governo inizialmente concordato da Lega e M5s prevedeva di non ratificare l'accordo in Parlamento, ma il ministro dell'Agricoltura, Gian Marco Centinaio, negli ultimi mesi ha ammorbidito la sua posizione. "Confermo la volontà di ridiscutere il Ceta – ha confermato anche oggi, dopo la pubblicazione dei dati – Aspetteremo un anno e vedremo quali sono i risultati dell'accordo che in questo momento vige a livello provvisorio. Se i nostri produttori ci diranno che è stata una annata produttiva vedremo se votare a favore". 

   

"Accogliamo con favore le dichiarazioni del ministro", afferma il coordinatore di Agrinsieme, Franco Verrascina. “Il Ceta non è ovviamente privo di aspetti critici, sui quali occorre continuare a lavorare”, aggiunge, ricordando che “per la ratifica non ci sono tuttavia scadenze e tempistiche precise e che quindi l'applicazione provvisoria può continuare a lungo”. Nel frattempo, la Commissione europea sta continuando a lavorare su "particolari questioni d’interesse" dell’accordo, sottolinea Verrascina, di cui si discuterà il 26 settembre a Montreal. “Quello che va migliorato – spiega il coordinamento degli agricoltori – è il sistema canadese di gestione delle importazioni di formaggi e andrebbe inoltre allungata la lista delle indicazioni geografiche". Al netto degli aspetti su cui si può ancora lavorare, gli agricoltori non hanno dubbi: "Per il made in Italy agroalimentare si sono aperti nuovi spazi di affermazione, tanto più importanti nel quadro delle tensioni commerciali in atto”.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi