cerca

Sovranità limitata

Le voci sulla fusione SocGen-Unicredit e i limiti del modello Salvini-Di Maio

29 Agosto 2018 alle 06:16

Sovranità limitata

Milano, sede Unicredit (foto LaPresse)

Tornano i rumors su un’acquisizione di Unicredit da parte di Société Générale, e la maggioranza sovranista oscilla tra disinteresse – meglio gli sbarchi e la ristatalizzazione delle autostrade – e sudori freddi. Che accade se la seconda banca francese per asset mette gli artigli sulla prima italiana? Ancora più: se impadronendosi di Unicredit, SocGen estende il controllo sulla controllata Mediobanca, e da lì a Generali, forziere di risparmi e titoli di stato? Queste ipotesi, sempre smentite dagli interessati, non sono nuove: prima che l’ad Jean Pierre Mustier riuscisse nell’aumento di capitale da 13 miliardi del febbraio 2017, l’intervento transalpino era dato per certo. Mustier ce l’ha fatta da solo, ricorrendo al mercato, ma ha un problema: è appunto francese. E accreditato di amicizie con Vincent Bolloré, il nemico dei nazionalisti (di ieri e di oggi) dentro Tim e Mediobanca.

 

Per chi ama i complotti ce n’è in abbondanza; ma stavolta il quadro potrebbe cambiare. SocGen ha annunciato un’internazionalizzazione che ha già prodotto l’acquisto della divisione equity di Commerzbank e la destinazione di 4 miliardi a operazioni in Italia. Non bastano per scalare Unicredit che ne capitalizza 28,5 (poco meno di SocGen), ma per un’alleanza sì. Mustier è stato bravissimo nella ricapitalizzazione, ma ha dovuto cedere la divisione risparmio Pioneer ad Amundi (sempre francese) e ha trasformato Unicredit in una public company contendibile. Ma nel caso, cosa può fare il governo Salvini-Di Maio? Schierare la Cassa depositi e prestiti? Nazionalizzare (anche) Unicredit? Magari potrebbe riflettere sul fatto che nella detestata ed europeista Francia banche, governo e stato fanno sistema. Qui il governo si dichiara nemico delle banche; nel nome del popolo s’intende.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    29 Agosto 2018 - 11:11

    Dovrebbe ormai essere noto a tutti, anche ai redattori del Foglio, in cosa consiste la politica "europeista" della Francia: acquisizioni ove possibile all'estero, chiusura ove possibile in casa propria. Gli esempi sono innumenrevoli, e questo atteggiamento non dipende neanche da chi siede da chi siede all'Eliseo, è una costante. Una volta ad Agnelli nel momento del suo massimo fulgore impedirono di acquisire perfino l'acqua minerale Perrier, tanto per dire, non certo un'azienda strategica. Berlusconi in fase di espansione televisiva si vide togliere la Cinq. Nazionalizzarono Suez facendola fondere con Gaz de France pur di non vederla far parte del gruppo Enel. Per non parlare di nuovo del caso Saint Nazaire, mentre per Luxottica tollerano Del Vecchio ceo solo perché hanno la maggioranza del gruppo, che ha sede a Parigi. Stendiamo un velo pietoso su cosa hanno combinato in TIM. Sono fatti così, quello che è tuo è mio, quello che è mio è mio. Europeisti dei miei stivali.

    Report

    Rispondi

Servizi