cerca

Il piano B del governo è l’Incidente: un botto che porta fuori dall’euro

Le parole sulla Bce, le folli strategie sui Btp, i capitali in fuga e un sospetto: la tempesta finanziaria è una paura o un auspicio?

29 Agosto 2018 alle 06:00

Il piano B del governo è l’Incidente: un botto che porta fuori dall’euro

Foto LaPresse

Milano. C’è un proverbio indiano che dice “nominare la tigre nella giungla significa farla apparire”. Lo stesso sta più o meno accadendo sui mercati finanziari dal momento dell’insediamento del governo gialloverde. A furia di dire in ogni consesso che “serve un piano B”, accompagnando lo strategico concetto con robusti intendimenti di lassismo fiscale in un baccanale di desideri di spesa pubblica che può essere soddisfatto solo mediante stampa di moneta, anche i più paciosi gestori di portafogli si sono risvegliati dal torpore e hanno iniziato a vendere il nostro debito pubblico. Durante ogni operazione di prosciugamento dei pozzi accade che gli stessi si avvelenino, perché la concentrazione di sostanze tossiche aumenta. E’ quello che l’esecutivo Conte sta facendo in modo sistematico, da settimane, non solo con i Btp.

     

Uno dei maggiori profeti dell’autoavveramento è il pertinace ministro degli Affari europei, Paolo Savona, che in anni ha prodotto una copiosa letteratura di piani B. In uno dei quali, un lustro addietro, era prevista la creazione di un veicolo d’investimento, garantito dal patrimonio immobiliare dello stato, destinato a emettere proprio debito, talmente appetibile da indurre i possessori di Btp a effettuare il concambio su base volontaria. 

  

Durante i sette biblici anni dell’operazione, necessaria secondo Savona a liberarci dal “ricatto” dei mercati, lo stato avrebbe dovuto evitare di emettere nuovo debito e di conseguenza mantenere un rigoroso pareggio di bilancio, assai poco compatibile con le pulsioni di spesa dell’esecutivo di cui Savona fa oggi parte.

   

Ma è acqua passata, quello che oggi conta è che Savona ribadisca che “un piano B ce l’hanno tutti”. Forse è così, ma non pare particolarmente razionale andare in giro a sbandierarlo, quando devi farti rifinanziare ogni anno 400 miliardi di titoli del debito pubblico. Quello che è peggio, è che anche le “soluzioni” proposte all’architettura istituzionale europea appaiono eufemisticamente velleitarie e talmente lunari da far sospettare che siano solo pretesti per giungere all’Incidente.

  

Ad esempio, chiedere che la Bce diventi “prestatore di ultima istanza” non significa nulla, visto che già lo è. Diventa forse più chiaro se a quella espressione si attribuisce il significato di “preposta alla monetizzazione del debito pubblico emesso dagli stati”, dal nostro nella fattispecie, il che è ovviamente vietato dai trattati, e anche un bimbo saprebbe che cambiare i trattati su queste basi è impossibile. La variante a questa “idea”, quella di fissare uno spread massimo, è esattamente la stessa violazione al divieto di finanziamento degli stati da parte della Bce, che si occupa di politica monetaria e non di quella fiscale.

  

Altro punto controverso è quello relativo al reperimento di investitori esteri per i nostri Btp. Che già di per sé stride con le velleità nazionalistiche di riacquisto di tutto il nostro stock di debito, per non dover dipendere dalla “gentilezza degli stranieri”, ma diventa una pièce teatrale che avrebbe potuto scrivere Ionesco quando scopriamo chi sarebbero i candidati acquirenti. La Russia non ha manco occhi per piangere ma dalle nostre parti c’è chi la considera una potenza finanziaria planetaria, al punto da ritenere (sempre Savona, in audizione parlamentare) che basti la loro garanzia, senza bisogno di metterci soldi veri, per far scappare gli speculatori con la coda tra le gambe. Poi abbiamo la Cina, che nel mezzo dello scontro con gli Stati Uniti e dell’emergere di gravi danni inflitti ai paesi di destinazione dei suoi investimenti tramite la “Belt and Road Initiative”, dovrebbe indossare i panni del Cavaliere bianco. Buoni ultimi, gli Stati Uniti di Trump, che ha tutto l’interesse a fare dell’Italia la carica di esplosivo ad alto potenziale per fare implodere la costruzione europea e che qualche buontempone nostrano vede invece attivamente impegnato a istruire nientemeno che la Federal Reserve a comprare i nostri Btp, “perché il suo statuto lo consentirebbe”.

  

A parte ciò, che pare sostanziarsi nell’ormai familiare “assistetemi, o mi faccio esplodere da solo in una stanza di cemento armato”, possiamo agevolmente individuare il piano B, che è in essenza “l’Incidente”: arrivare a farsi prosciugare il finanziamento estero dei titoli di stato, incolpare Soros del misfatto, e procedere a finanziare la parte mancante del debito pubblico mediante foglietti colorati di foggia identica alle banconote aventi corso legale nella Ue. “Vado pazzo per i piani ben riusciti”, avrebbe detto il colonnello John Hannibal Smith dell’A-Team, se non fosse che occorrerebbe prima convincere i concittadini del “valore fiduciario” di tali foglietti di carta. Ipotizzando che tale fiducia non sia pronta, cieca e assoluta, ne deriverebbero seri problemi al sistema dei pagamenti, con tesaurizzazione delle banconote in euro e scompensi profondi all’operatività delle banche, che sarebbero costrette (ope legis, prima che per acuta decisione del loro management) a contingentare i prelievi e i pagamenti all’estero. Il problema sarebbe tuttavia attenuato dal fatto che andiamo verso la stagione invernale, quindi i pensionati in coda davanti ai bancomat non soffrirebbero il caldo e verosimilmente non avremmo quelle spiacevoli scene di svenimenti viste in Grecia.

  

Oltre a questi problemi di implementazione, ipotizzando che san Giovanni Tria faccia il miracolo e riesca a tenere i conti sotto controllo, servirà controllare l’emotività di quello, tra i due vicepremier, che pare avere più da perdere se i cordoni della borsa rimanessero stretti, trovandosi a presiedere ministeri che richiedono denaro, e non poco, per placare “la Gente”, e non disponendo del bonus (a basso impatto sui conti pubblici) di bloccare natanti della Guardia costiera da dare in pasto alla folla sovrana.

   

Quindi sì, servirà molto denaro per venirne a capo. Oppure qualche “moneta di scambio” simbolica, come una grande mobilitazione di masse schiumanti contro ogni intralcio di realtà o giustizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • aabbcc

    30 Agosto 2018 - 18:06

    salve, ma Lei per scrivere : "La Russia non ha manco occhi per piangere" che info ha? chiedo : Lei è mai stato in Russia negli ultimi anni? (io si). saluti! buona serata!

    Report

    Rispondi

  • tommaso.lorenzi@mps.it

    tommaso.lorenzi

    29 Agosto 2018 - 16:04

    Grandissimo Seminerio, sarebbe bello leggerlo più spesso sul Foglio.

    Report

    Rispondi

    • media67

      30 Agosto 2018 - 19:07

      L'articolo in commento contiene utili spunti di riflessione, ma l'autore mostra di muoversi da una posizione pregiudiziale che lo conduce alla strumentale conclusione che adombra; ciò si riscontra, in particolare, là dove sostiene che l'ipotizzato "incidente" sia deliberatamente cercato. A mio parere ogni persona di buon senso dovrebbe avere uno o più piani alternativi, ma è strategicamente sbagliato farne pubblico annuncio, specie se l'annuncio viene proprio da chi ricopre, come nel presente caso, delicate cariche istituzionali. Siffatti messaggi, per la loro ambiguità, si prestano infatti a letture erronee e/o strumentali e possono produrre gravi conseguenze negative.

      Report

      Rispondi

Servizi