Dazi nostri

Salvini tifa per Trump che penalizza il Made in Italy. Sovranismo post-logico

12 Giugno 2018 alle 06:19

Dazi nostri

Il porto di Pasir Panjang a Singapore (foto LaPresse)

E’ un periodo in cui è difficile ragionare. Ma prima o poi, quando tutta la polvere del ribellismo ottuso contro le élite, l’establishment, l’Europa e il Bilderberg si sarà posata, bisognerà fare una serena riflessione su questo “sovranismo” che sbandiera l’“interesse nazionale” come unica fissazione. Perché al momento paiono scatole vuote, formule prive di contenuti. Qualcuno, con calma, senza urlare, senza battere i pugni, magari se qualcun altro glielo chiede, dovrà un giorno spiegare in cosa consiste questo “interesse nazionale”....

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    13 Giugno 2018 - 11:11

    Nell'articolo si scrive: “L’Italia è una potenza che esporta e quindi va protetto il Made in Italy – ha detto Matteo Salvini – e credo che le politiche di Trump siano soprattutto per arginare la prepotenza tedesca. L’Italia non deve subire né l’una né l’altra manovra”. Non sembra proprio una condivisone dei dazi di Trump, se l'italiano ha un senso. Più che di post-logico parlerei di pre-giudizio

    Report

    Rispondi

Servizi