Perché l’idea balzana di farsi condonare il debito è già un autogol. Parla Guiso

L'economista commenta la proposta contenuta nella bozza di contratto tra M5s e Lega che prevede la cancellazione di 250 miliardi di titoli di stato italiani “in pancia” alla Bce

17 Maggio 2018 alle 06:00

Perché l’idea balzana di farsi condonare il debito è già un autogol. Parla Guiso

Mario Draghi (foto LaPresse)

Roma. “Si rimane un po’ interdetti. E’ come se una persona che ha un mutuo si presentasse agli sportelli della banca e dicesse: ‘Non è che mi cancellate il 20 per cento del mio mutuo?”. Commenta così Luigi Guiso, economista all’Università Roma Tor Vergata, la proposta contenuta nella bozza di “Contratto per il governo del cambiamento” che prevede la cancellazione di 250 miliardi di titoli di stato italiani “in pancia” alla Bce. “A una richiesta del genere una banca risponde...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    17 Maggio 2018 - 21:09

    C'e un passo su cui sarebbe particolarmente importante riflettere : dall'€ piu' che uscire si puo' essere cacciati fuori!!!

    Report

    Rispondi

  • oldani_riccardo

    17 Maggio 2018 - 10:10

    Sarebbe interessante capire, per un profano come me, dove va a parare la modifica apportata con l'ultima bozza, cioè la proposta di non contabilizzare nel rapporto debito-pil i titoli di stato acquistati dalla BCE con il Quantitative Easing. Se un debito non può essere contabilizzato, non è come dire che non esiste? Non riesco a capire le possibili implicazioni di un'eventuale introduzione di questo curioso sistema. Qualche esperto potrebbe spiegarlo?

    Report

    Rispondi

Servizi