Operazione verità sui pregi del Jobs Act

Perché gli sproloqui sulla “precarizzazione” mettono in fuga il lavoro

Operazione verità sui pregi del Jobs Act
A tutti coloro i quali in questo inizio, vagamente demenziale, di campagna elettorale fanno a gara a chi abolirebbe più riforme, c’è da rivolgere una preghiera. Anzi, una richiesta pressante: lasciate stare il Jobs Act. Piantatela con il capovolgimento della realtà su una legge che, se certo può essere migliorata, e soprattutto potenziata, ha contribuito finora a ridurre di due punti il tasso di disoccupazione generale – dal 13 all’11 per cento, il che costituisce una percentuale di diminuzione del...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    12 Gennaio 2018 - 16:04

    C'entra, c'entra, eccome. Macron e Gentiloni, mano nella mano? La Germania risponde con la GK. Tanto per mettere la cose in chiaro: Deutscheland uber alles.

    Report

    Rispondi

Servizi