cerca

Le carceri turche, Brexit parola dell'anno e i tecnopessimisti. Di cosa parlare stasera a cena

In esclusiva per noi Marco Alfieri seleziona e propone letture, spunti e idee per sapere quello che succede nel mondo.

4 Novembre 2016 alle 18:34

Le carceri turche, Brexit parola dell'anno e i tecnopessimisti. Di cosa parlare stasera a cena

Frase del giorno

 


“Roma, le ultime dal Campidoglio: proroga ai camion bar, stop alla metropolitana. Dalla decrescita infelice per oggi è tutto…”

 

Massimo Russo


 

 

Sabbie arabe

 

Si combatte a Mosul. L’Onu: “Migliaia di civili rapiti dall’Isis”. L’esercito iracheno in città. Anche le donne tra gli ostaggi, bambini arruolati come soldati.

 

“A Mosul una bambina in piedi, davanti alla guerra. Ci osservava, ferma…”, nella testimonianza intensa di Daniele Raineri.

 

I russi che stanno combattendo in Siria. Sono mercenari trattati come soldati, racconta un'inchiesta di Reuters, ma la loro presenza non è riconosciuta dal governo russo (via Il Post).

 

Perché gli ultimi video di propaganda dell’ISIS fanno capire che se la stanno passando male. Da questo punto di vista non c’è nemmeno bisogno di seguire l’offensiva su Mosul!

 

In Turchia dopo gli arrestati dei leader del partito filocurdo, un’autobomba ha colpito una sede della polizia nel sudest dell’Anatolia, facendo otto morti. La Ue: "Segnale spaventoso. Democrazia a rischio".

 

Come le carceri in Turchia sono diventate un affare piuttosto redditizio e l'1,5 milioni di rifugiati afghani che faranno presto ritorno in patria…

 

 

Stato dell’Unione

 

Queste tre semplici chart dimostrano che non c’è quasi possibilità che il Parlamento inglese possa bloccare la Brexit.

 

Per la cronaca, Brexit è stata nominata la parola dell’anno 2016 dal dizionario Collins. Non accadeva dai tempi del “Watergate” che una parola politica desse un tale contributo alla lingua inglese.

 

Economia, Brexit e Catalogna. Le tre prime spine del nuovo vecchio governo Rajoy in Spagna.

 

La Ue ha negoziato con il Canada l’apertura reciproca di gran parte degli scambi nel rispetto di standard elevati. Il Ceta è un’opportunità per l’Europa e dovrebbe essere un modello per altri trattati commerciali, a partire dal Ttip

 

 

Il mondo oltre il Jihad

 

Corsa alla Casa Bianca. Contro il rischio hacker il governo Usa schiera una task force per difendersi. Mai come questa volta la campagna presidenziale americana si è giocata a colpi di email trafugate, server sospetti, pirati informatici. Un clima di paranoia che non è ancora finito. Anzi, comunque vada a finire (un sondaggio CNN da Hillary Clinton al di sotto della soglia dei 270 elettori necessari per diventare presidente), il primo partito in Usa sembra essere quello del disgusto verso il teatrino della politica.

Nel Continente nero. In Sudafrica, dopo gli ultimi scandali legati alla corruzione, il presidente Zuma potrebbe avere i giorni contati, scrive Le Monde (articolo tradotto in italiano da Internazionale).

Che tempo che fa. L’accordo di Parigi sul clima entra in vigore. Secondo il New York Times, è il segno della serietà degli stati nel voler contrastare il riscaldamento globale.

Scontro tra titani. Chi ha vinto e chi ha perso, tra i colossi tech, nell’ultimo giro di conti finanziari trimestrali.

Segui i tassi. I colpi all’autonomia delle banche centrali meritano un’offensiva. Carney respinge l’assedio della politica all’indipendenza della BoE. Draghi è sotto tiro e sarà chiamato a reagire.

Facebookcrazia. Nel frattempo l’impatto di Facebook sulle tornate elettorali è sempre più evidente, come dimostra il caso di Hong Kong.

Un mondo difficile. "Piper", il nuovo bellissimo corto Pixar per sconfiggere le paure. Il breve filmato creato da Alan Barillaro ha per protagonista un piccolo e adorabile piovanello alle prese con le prime difficoltà della vita.

 

 

Personaggi

 

Chi è Selahattin Demirtaş, il leader curdo arrestato in Turchia.

 

Dentro l’abisso. Come ha fatto il presidente francese Hollande, a pochi mesi dalla fine del suo mandato all’Eliseo, a crollare così in basso nel gradimento popolare…

 

L’ex storico ministro del petrolio saudita oggi era a Londra a presentare il suo interessantissimo libro di memorie. Quante ne ha viste dentro e fuori l’Opec…

 

 

Mappa del giorno

 


La classifica mondiale delle città più creative nel 2016…

 


 

 

Argomenti di dibattito

 

Amico ayatollah? Da Teheran a Mosul. L’Iran post sanzioni nucleari e il nuovo grande gioco mediorientale della Repubblica islamica.

A chi spetta l’ultima parola? Il Parlamento inglese può ribaltare la decisione sulla Brexit approvata incautamente da un referendum popolare. In Italia un referendum può (e dovrebbe) confermare una riforma fatta dal Parlamento dopo 35 anni.

Tecnopessimisti. Perché la rivoluzione economica promessa dalle nuove tecnologie potrebbe non arrivare mai.

Le coincidenze capitano. Da un punto di vista matematico, gli eventi che ci sembrano improbabili e casuali della nostra vita non lo sono poi così tanto. Capito?

Blues. In un mese, Antonio Conte ha rilanciato il Chelsea: i cinque motivi che hanno reso i Blues imbattibili in Premier

 

 

Ossessioni

 

Mezzobusto. Dieci domande che hai sempre voluto fare a una persona in sedia a rotelle.

Benvenuti nella Giungla. La distruzione del campo profughi di Calais, appena sgomberato dalla polizia francese, nel video a 360° del Nyt.

Islamismo radicale. Occhio all’Indonesia dove sta crescendo un modello molto ma molto conservatore di islamismo politico e sociale.

 

 

Mettetevi comodi

 

War room. Il bunker segreto di Winston Churchill costruito dagli inglesi durante la Seconda Guerra Mondiale…

The Donald. In che modo la piccola Macedonia, in questa lunga campagna elettorale Usa, è diventata un hub della disinformazione e della propaganda trumpiana.

Perché Mosul. Come nasce la centralità della più grande città sunnita dell'Iraq, dove si stanno combattendo due guerre: una contro l'Isis; una per la riunificazione del Paese.

Sguardi unici. La mostra a Roma di Vivian Maier, una delle più grandi street photographer del Novecento.

 

 

Accadde oggi

 


Cinquant’anni fa, oggi, la grande alluvione di Firenze…

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi