cerca

Il dilemma degli sfollati, la nuova guerra dei taliban e Beyoncè. Di cosa parlare stasera a cena

In esclusiva per noi Marco Alfieri seleziona e propone letture, spunti e idee per sapere quello che succede nel mondo.

31 Ottobre 2016 alle 18:13

Il dilemma degli sfollati, la nuova guerra dei taliban e Beyoncè. Di cosa parlare stasera a cena

Frase del giorno

 


“La Nuvola è spreco, le olimpiadi sono sprechi, la metro C è spreco. Per evitare ruberie e corruzione, torniamo al calesse…” #Raggi #Roma 

 

Riccardo Chiaberge


 

 

La terra trema

 

L’infinito contagio sismico che scuote l’Appennino. Un fenomeno già osservato, dalla Turchia fino in California. E in Italia c’è il caso della Calabria sconvolta nel Settecento.

 

Mattia Feltri tra i dannati dell’Appennino: “Noi, condannati a tremare”. Dall’Aquila a Visso, nelle terre degli ultimi tre terremoti. La gente che convive con le scosse: “Uniti dal destino, ci capiamo anche senza parlare”.

 

La scossa oltre le scosse. Perchè contro il fatalismo e la superstizione l’Italia deve investire nella cultura del rischio. Non farlo è deleterio anche per il business.

 

Infine il dilemma di migliaia di sfollati che vorrebbero rimanere nei luoghi di casa.

 

 

Stato dell’Unione

 

L’uscente Mark Carney, Theresa May (che lo appoggia) e la battaglia per il rinnovo alla Banca d’Inghilterra, al tempo della Brexit.

 

Ah, come da copione la sterlina è stata la peggior moneta nel mese di ottobre. L’effetto Brexit si fa sentire.

 

Cinque cose da sapere sul nuovo governo Rajoy che sta finalmente per partire in Spagna, dopo mesi di stallo e votazioni.

 

 

Sabbie arabe

 

L’esercito iracheno: “Siamo entrati a Mosul”. Le forze speciali sfondano le resistenze dell’Isis nel quartiere orientale di Karama. I jihadisti si difendono con kamikaze e lanciarazzi.

 

Perché Isis, secondo Foreign Policy, potrebbe anche perdere Mosul ma vincere lo stesso (c’entra l’efficacia di una strategia di guerriglia).

 

Cosa c'è dentro al rifugio che un uomo siriano ha costruito per proteggere la sua famiglia.

 

Il nuovo modo di fare la guerra dei taliban, più attenti alla comunicazione e all’influenza dei social network.

 

L’ex generale Michel Aoun diventa presidente del Libano. Cristiano maronita, leader del Movimento patriottico libero, Aoun ricoprirà l’incarico di capo dello stato, rimasto vacante dal maggio del 2014 dopo la fine del mandato di Michel Suleiman. Il parlamento l’ha eletto al secondo giro di votazioni. L’uscita dall’impasse è stata resa possibile dall’accordo stretto da Aoun con il leader musulmano sunnita Saad Hariri e con gli sciiti di Hezbollah (via Internazionale).

 

 

Il mondo oltre il Jihad

 

Corsa alla Casa Bianca. Venti giovani che possono votare per la prima volta l’8 novembre spiegano al New Yorker per chi voteranno e perché. Un esperimento molto interessante anche perchè Clinton e Trump stanno parlando a due Americhe molto diverse tra loro (dunque il 9 novembre, comunque vada, non ci sarà happy ending). E poi 10 domande (e risposte) sulle ultime rivelazioni legate alle mail private di Hillary.

Non andremo più in banca. MPS, certo, Deutsche Bank, come no. Ma lo scenario è ben più vasto degli scandali, tanto che Blumberg Capital la tocca piano: sicuri che le banche, prese in mezzo alla “FinTech revolution”, non siano attori a rischio estinzione? Per dire: il nuovo modello di Goldman Sachs sembra essere diventato Apple. Lo spiega il Wsj.

Cinafrica. La verità è che in molti paesi africani il modello di sviluppo economico cinese è molto più popolare di quello americano-occidentale.

Leakcrazia. Piccola ricognizione dei leak-scoop degli ultimi giorni. C’è anche la Russia, per una volta hackerata. E poi “la mappa dei computer violati dalla Nsa”. Riappaiono i misteriosi hacker Shadow Brokers.

Il ragazzo si farà. I migliori settori giovanili nel calcio. Al primo posto ci sono le tre squadre più ricche del mondo, poi c'è molta Spagna: la prima delle italiane è la Roma.

Superpotenza in potenza. Il controverso governo Modi promette il rilancio dell’India ma non ha ancora trovato risposta alle contraddizioni del paese.

La Chiesa di Francesco. Compromesso in vista tra Vaticano e Pechino per chi deve selezionare (e nominare) i vescovi in Cina. Si tratta di un passo avanti storico.

 

 

Personaggi

 

Florentino Pérez sta cercando di ricreare il glorioso e vincente Real Madrid visto durante la sua infanzia. Non importa se per riuscirci si sacrificano risorse e spettacolarità (via Rivista Undici).

 

Cosa mi ha insegnato Beyoncè (e altri artisti/ballerini), secondo la scrittrice inglese Zadie Smith.

 

La caduta dei principi azzurri. Hollywood li crea, il matrimonio li distrugge. Non solo Brad Pitt: da Mel Gibson a Tom Cruise, ecco i divi colpiti dal disonore. E quelli che comunque sono risorti.

 

 

Mappa del giorno

 


Comunque la si pensi sul prossimo referendum, questo confronto sulle leggi di iniziativa parlamentare fanno riflettere sul bicameralismo perfetto all’italiana (via Gabor Friedenthal)…

 


 

 

Argomenti di dibattito

 

Ombre rosse. Come la Russia è diventata la Russia. Quanto è davvero una minaccia per l'Occidente e quanto c'entrano Vladimir Putin e gli ultimi trent'anni di storia, spiegato dall’Economist (un ottimo recap de Il Post). E poi il ritorno di fiamma nei confronti di un personaggio come Ivan il Terribile.

Uberization. Scrive l’Atlantic che lo sviluppo di app e piattaforme digitali molto efficienti stile Uber, Lyft, Juno o Google Bus potrebbe portare velocemente alla fine dei mezzi pubblici comunemente intesi (o alla privatizzazione del trasporto pubblico)…

Distruzione creatrice. Perché le imprese devono poter fallire. Un'ideologia conservatrice spinge a tenere in vita imprese morte. Ma in economia, come è sempre stato in natura, la distruzione serve. Per costruire il futuro (via #NightReview).

Morto e risorto. Negli Stati Uniti il numero dei lettori su carta rimane stabile da anni, e crescono le vendite di libri tradizionali. Perché gli ebook non riescono ancora a soppiantare i volumi di carta? Una questione di tecnologia. Pochi anni di Silicon Valley non possono ancora battere il prodotto di millenni di storia.

 

 

Ossessioni

 

MuovitiMuoviti. Come cominciare a correre, anche piano. Una guida utile del Nyt.

Bufale. Un elenco delle settanta più grandi teorie cospiratorie della cultura pop, dalla finta cecità di Stevie Wonder alla convinzione che i Beatles non siano mai esistiti (via Rivista Studio). 

The day after. Tra gli americani che fanno scorte di cibo per prepararsi all’apocalisse post-elezioni.

 

 

Mettetevi comodi

 

The Donald. “Final days” è il racconto degli ultimi giorni di campagna elettorale di Donald Trump, una sfida che sembra possa riaprirsi dopo le ultime rivelazioni sull’emailgate di Hillary.

Sulla retta via. Combattere il jihadismo in un posto complicato come Molenbeek (periferia di Bruxelles tristemente nota) grazie al calcio.

Soft power. Come fa la (Disney) Pixar a fare la (Disney) Pixar, ossia la più grande fucina di paradigmi cultural-cinematografici del mondo. Una visione molto ma molto pratica (via Pietro Minto).

La cacciata dei Cure. Chi è stato cacciato, chi se n’è andato perché si era rotto le palle, chi manco sa perché non è più nella band: una breve storia di tutti i musicisti che hanno dovuto subire i capricci del frontman Robert Smith.

 

 

Accadde oggi

 


Nel 1517 oggi Martin Lutero affiggeva le sue 95 tesi sul portale della chiesa di Wittenberg. Comincia la Riforma protestante…

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi